Kalinic vuole la Roma: c'è già l'accordo

Intesa raggiunta tra l'attaccante e i giallorossi: ora va trovata la giusta quadra economica con l'Atletico Madrid

La Roma pescherà in Spagna. La dirigenza giallorossa ha messo nel mirino la parola "Madrid": con il Real è sempre vivo il discorso relativo a Mariano Diaz; con l'Atletico si continua a parlare di Nikola Kalinic. Fuori dai progetti tecnici delle rispettive squadre, entrambi sono candidati principali per l'approdo nella città capitolina: il direttore sportivo Petrachi sta lavorando da giorni intensamente per cercare di assicurarsi le prestazioni sportive di uno dei due sulla base di un prestito con diritto di riscatto.

Kalinic più probabile

A dare una maggiore disponibilità è stato il croato, che nella scorsa stagione ha avuto a dispozione solamente 6 partite da titolare nella Liga, in cui è riuscito a mettere a segno due firme personali. Con un passato alla Fiorentina e al Milan, il classe '88 sarebbe lieto di tornare in Italia anche con l'obiettivo di non perdere il rilievo della propria figura in ottica Nazionale. Il ruolo di vice Dzeko è stato accettato poiché c'è una convinzione precisa che alimenta la volontà dell'attaccante: riuscirsi a ritagliare uno spazio convincendo la platea giallorossa.

Interlocutore della trattativa è l'agente Fali Ramadani, che avrà l'obiettivo di far trovare un'intesa tra le parti: Kalinic continuerebbe a percepire 2,5 milioni di euro all'anno, stessa cifra che riceve ora in Spagna. Dettagli da ultimare invece con i Colchoneros, che preferirebbero l'obbligo di riscatto a fine stagione: la Roma propone invece il prestito gratuito con opzione di acquisto a 8 milioni di euro.

Segui già la nuova pagina Sport de ilGiornale.it?