Le lacrime di Cristiano Ronaldo ricordando il papà morto

L'asso portoghese si commuove durante un’intervista per la tv inglese: "Non mi ha visto diventare quello che sono"

Il padre di Cristiano Ronaldo è morto nel 2006 a soli 52 anni per un'insufficienza epatica dovuta alla sua dipendenza dall'alcol. CR7 aveva 21 anni e giocava nel Manchester United, ma era solo all'inizio della sua ascesa come calciatore. Di lì a poco avrebbe vinto la prima Premier League, la sua prima Champions League, la sua prima "Scarpa d’oro" e il suo primo "Pallone d'oro".

Quello tra il portoghese e suo papà José Dinis Aveiro, è un tema delicato, di cui l'attaccante della Juventus stesso ha voluto parlare in occasione di un'intervista a cuore aperto alla rete televisiva inglese Itv.

"Purtroppo, non ho mai conosciuto per davvero mio padre, perché era sempre ubriaco", racconta Ronaldo, prima che il giornalista Piers Morgan gli facesse vedere un filmato in cui Aveiro parlava di quanto fosse orgoglioso di suo figlio. E qui CR7 si lascia andare al pianto: "Non avevo mai visto quel video, scusate", e con un fazzoletto si asciuga le lacrime.

"Per quale motivo sei così triste?", gli domanda Morgan e Cristiano Ronaldo risponde così: "Essere il numero uno e lui non ne ha visto niente. Non mi ha visto ricevere i premi, mi ha visto nulla di tutto questo e mi dispiace".

Commenti

Carlo.MS

Lun, 16/09/2019 - 12:34

Bhe sicuramente commovente , ma ti ricordo che sei un numero come tanti e non mi toglierei il petto x dare solo due calci al pallone.... i numeri uno sono altri...i numeri uno sono chi salva vite tutti i giorni , chi dedica la propria vita agli altri in altri paesi ne io e neppure te siamo due numeri uno...la tua vita come quella di tutti è breve ...occhio a non dimenticarsene mai... grazie