Lazio e l'attacco alla Polizia: ecco cosa si nasconde dietro l'azione ultras

Alcuni tifosi della Lazio hanno dato vita a scontri prima della finale di Coppa Italia contro l'Atalanta. L'attacco alla Polizia era mirato per colpire il Presidente Claudio Lotito e l'ex Questore Nicolò D' Angelo

Ieri sera, prima della finale di Coppa Italia Atalanta-Lazio, a Roma è andato in scena l'ennesimo scempio compiuto da alcuni tifosi violenti che poco hanno a che vedere con il calcio. Secondo quanto riporta Il Messaggero, infatti, parte dei tifosi biancocelesti hanno attaccato premeditatamente le forze dell'ordine e nel mirino di questi supporter non c'erano di certo i tifosi avversari dell'Atalanta bensì il Patron Claudio Lotito, l'ex questore l', e in ultimo anche le forze dell'ordine. L'obiettivo, ben riuscito, era quello di creare il caso per dare una prova di forza e per dimostrare lo sdegno circa la nomina di D'Angelo come security manager della holding di Lotito

La finale dell'Olimpico era da giorni a rischio e lo si sapeva, con alcuni Irridubicili che erano già stati avvistati intorno allo stadio dalla mattina di ieri. Che i tifosi della Lazio non siano in buoni rapporti con Lotito la cosa è risaputa e secondo quanto riporta il quotidiano romano alcune provocazioni erano già andate in scena ad aprile. Il 23, infatti, fu esposto uno striscione che recitava: "Non ci compri un giocatore ma ti compri l' ex Questore". Chiaro riferimento a D'Angelo che nella sua carriera è stato capo della squadra mobile, ha arrestato elementi della Banda della Magliana, è stato vicecapo della polizia, direttore della Criminalpol.

Il 25 aprile, nel giorno della Festa della Liberazione, a Milano andò in scena un'altra provocazione quando in Piazzale Loreto alcuni Irriducibili esposero uno striscione in onore a Benito Mussolini. Il tutto ben corredato da foto davanti ai fotografi e dal saluto romano con la Procura che ha deciso di aprire un'inchiesta e denunciato nove tifosi della Lazio. Ieri è andato in scena l'ultimo atto di una diatriba che pare non avrà mai fine visto il brutto rapporto tra Lotito e la curva della Lazio.

GUARDA IL VIDEO DEGLI SCONTRI