L'Inter vince 2-1 contro il Verona e si prende la vetta della classifica

Le reti di Vecino e Barella hanno rimontato l'iniziale vantaggio siglato dal Verona con Verre, su rigore. L'Inter con questo successo vola al primo posto a quota 31 punti e supera così la Juventus che domani giocherà contro il Milan

L'Inter di Antonio Conte gioca una partita di cuore contro l'Hellas Verona di Ivan Juric, va sotto frutto del rigore realizzato da Verre ma alla fine la ribalta con i bei gol di Matias Vecino, di testa e con un gran terzo tempo, e di Nicolò Barella con un grandisismo tiro a giro finito all'incrocio dei pali. L'Inter ha avuto carattere e si è subito rialzata dopo la bruciante sconfitta subita in Champions League contro il Borussia Dortmund. La partita è stata condotta a senso unico dai nerazzurri contro un Verona che ha badato più a difendere che ad offendere ma che fino a sette dal novantesimo aveva sognato di uscire con un risultato positivo dal Meazza. Con questa vittoria i nerazzurri si portano a quota 31 punti, a più due sulla Juventus seconda in classifica che domani giocherà in casa contro il Milan di Stefano Pioli: se i bianconeri non dovessero vincere i nerazzurri andrebbero alla sosta per le nazionali al primo posto in solitaria.

Al 4' è Biraghi ad impegnare Silvestri con una punizione: Silvestri la mette in angolo. L'Inter insiste con Lautaro che all'11 svetta su cross di Biraghi: palla fuori di un soffio. Al 18' Valeri concede rigore al Verona per fallo di Handanovic su Zaccagni. Verre dal dischetto porta in vantaggio gli scaligeri. Al 21' il destro di Lautaro viene deviato in angolo e al 25' è Lukaku a provare la conclusione di prepotenza: fuori di poco. Brozovic al 27' ci prova con un tiro a giro dei suoi: la palla scheggia il palo. Nel finale di primo tempo Silvestri con l'aiuto di Empereur si salva con il difensore che salva sulla linea il pallone di Vecino.

Nella ripresa de Vrij serve Lukaku al 53' e la palla viene deviata in corner. L'Inter continua a spingere ma la difesa del Verona si chiude bene e si salva. Il tiro di Lukaku al 59' esce fuori di un soffio. Lazaro pennella un gran cross per la testa di Vecino che decolla e la manda in porta. Al 73' ci prova Bastoni con un gran tiro da fuori che Silvestri manda in angolo. Lukaku si mangia il 2-1 all'80 quando tenta un pallonetto di testa su Silvestri in uscita. Barella si mette in proprio all'83' con un gran tiro a giro che si va ad infilare all'incrocio dei pali.

Il tabellino

Inter: Handanovic; Skriniar, de Vrij, Bastoni; Lazaro )85' D'Ambrosio), Vecino, Brozovic, Barella, Biraghi (63' Candreva); Lautaro Martinez (81' Esposito), Lukaku.

Hellas Verona: Silvestri; Rrahmani, Günter, Empereur; Faraoni, Pessina, Amrabat (64' Henderson), Lazovic; Verre, Zaccagni (50' Tutino); Salcedo (84' Stepinski)

Reti: 19' Verre (V), 65' Vecino (I), 83' Barella (I)

Brescia-Torino 0-4

Inizia nel peggiore dei modi l'avventura di Fabio Grosso sulla panchina del Brescia. Le Rondinelle sono state travolte con un netto 4-0 frutto delle doppiette di Andrea Belotti e Berenguer. Lombardi in dieci uomini da fine primo tempo per l'espulsione di Mateju per doppia ammonizione. La partita è stata dominata dal primo all'ultimo minuto dagli ospiti con il Torino che sale a quota 14 punti, mentre il Brescia resta fermo a quota 7 punti e all'ultimo posto ma con ancora una partita da recuperare: quella contro il Sassuolo rimandata per la morte di Squinzi.

Brescia: Joronen; Sabelli, Cistana, Magnani, Mateju; Bisoli, Tonali, Romulo; Spalek (60' Donnarumma); Aye (84' Zmrhal), Balotelli (46' Martella)

Torino: Sirigu; Izzo, Nkoulou, Bremer; Aina, Rincon, Lukic (66' Laxalt), Meitè, Ansaldi (78' De Silvestri); Verdi (61' Berenguer); Belotti

Reti: 17' e 26' su rig. Belotti (T), 75' e 81' Berenguer (T).

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?