Mazzarri, ecco le prime lamentele: "Stiamo sempre in hotel, non tutti sono felici"

Mazzarri è carico e determinato per la sua prima esperienza all'estero sulla panchina del Watford. Sinclair, però, si lamenta di alcuni suoi metodi

Walter Mazzarri è pronto per intraprendere la sua nuova avventura sulla panchina degli inglesi del Waltford. Il tecnico di San Vincenzo è già a lavoro e sta mettendo sotto torchio i suoi uomini con una preparazione mirata per disputare una grande stagione. L’ex allenatore di Reggina e Sampdoria vuole il pronto riscatto dopo essere stato esonerato, nel novembre del 2014, dall’Inter. Mazzarri è rimasto fermo per oltre 18 mesi e ora non vuole sprecare la grande chance che gli ha concesso Gino Pozzo. Quella in Inghilterra sarà la prima all'estero di colui che ha lasciato un segno indelebile a Napoli, che ha plasmato giocatori del calibro di Ezequiel Lavezzi, Marek Hamsik e Edinson Cavani.

Secondo quanto riporta il Daily Mail, però, ci sarebbero già le prime lamentele da parte dei calciatori del Watford. Uno in particolare, il giovanissimo Jerome Sinclair classe 96 appena arrivato dal Liverpool, ha raccontato alcuni retroscena: “Dobbiamo stare solo in albergo…facciamo avanti e indietro dal campo di allenamento. Io non ho un appartamento ancora e dunque per me non fa molta differenza ma alcuni dei miei compagni non sono tanto contenti di questa cosa. Per ora prendiamo tutto come viene, non ci è stato ancora detto cosa succederà in futuro. Posso dire che il nostro gruppo è ottimo, fatto di bravi ragazzi, c’è grande interazione e intesa tra di noi".