Il Milan ha il suo Capitano Ultimo...minuto

Romagnoli, due gol oltre il 90' in due partite. Per restare in zona Champions

È Alessio Romagnoli, senza ombra di dubbio, l'uomo copertina di questa settimana. Con i suoi due gol decisivi a Genoa e Udinese, il Milan ha infatti conquistato sei punti pesantissimi sia per la classifica, sia per il morale, in vista anche di una settimana chiave per l'andamento della stagione. Insomma, in queste due gare Romagnoli ha fatto quello che dovrebbe fare ogni capitano: caricarsi la propria squadra sulle spalle e trascinarla alla vittoria, anche quando pare ormai svanita. Con il Genoa ha segnato al 91', con l'Udinese addirittura al 97': due reti fondamentali (e molto belle) realizzate in quella che molti chiamano già zona Romagnoli, con tanti saluti a Cesarini.

Questi gol hanno definitivamente proiettato Romagnoli nel cuore del popolo rossonero, ma si è giunti a questa conclusione dopo un percorso a tratti complicato. Fortemente voluto da Mihajlovic che lo aveva allenato l'anno precedente alla Samp, Alessio arrivò tra lo scetticismo dei tifosi nell'estate 2015 per 30 milioni: cifra altissima per un giovane alla prima stagione da titolare in Serie A. In questi tre anni, tra alti e bassi, il difensore è cresciuto ed è diventato piano piano sempre più leader, non solo al centro della difesa ma anche all'interno dello spogliatoio. Mihajlovic, Montella e Gattuso, infatti, hanno sempre creduto in lui e, con il tempo, Romagnoli ha ripagato tutta questa fiducia, dimostrando il suo valore e conquistando prima la Nazionale e, quest'estate, la fascia da capitano del Milan. Prossimo obiettivo riportare i rossoneri in Champions League. Una missione difficile, ma non impossibile per Capitano Ultimo Minuto.

Ma il Milan difficilmente tornerà a riascoltare l'inno della Champions l'anno prossimo senza i gol di Gonzalo Higuain. L'infortunio del Pipita, uscito dopo mezz'ora contro l'Udinese, non preoccupa, ma l'argentino non verrà rischiato giovedì al Benito Villamarín di Siviglia contro il Betis, una gara che comunque Gattuso non può perdere. Higuain invece ci sarà domenica sera contro la Juve, in quella che per lui è più di una semplice partita.

Il gol di Romagnoli, infine, ha consolidato la tendenza dell'11ª giornata a fortissime tinte azzurre. Nell'ultimo turno, infatti, sono andati a segno ben 15 calciatori italiani, per un totale di 18 centri, vale a dire più della metà di tutti le reti siglate nel fine settimana (33). Per la gioia di Mancini.