Mondiale finito per Neymar: frattura alla vertebra

Il forte attaccante del Brasile ha rimediato la frattura della terza vertebra lombare. Dovrà stare immobile per 4-6 settimane

Grave infortunio per Neymar nella partita del Brasile con la Colombia

Quando è caduto a terra, dopo una brutta entrata alle spalle del colombiano Zuniga, ha iniziato subito a lamentarsi per il dolore. Molti hanno pensato che stesse fingendo, che volesse solo perdere tempo visto che mancava una manciata di minuti alla fine della partita e, sul 2-1 per il Brasile, le possibilità per la Colombia di acciuffare lo sperato pareggio si stavano riducendo al lumicino, secondo dopo secondo. Invece, purtroppo, le smorfie di dolore che devastavano il volto di Neymar erano vere. Il giocatore ha riportato la frattura della terza vertebra lombare. Dovrà restare lontano dai campi di gioco per 4-6 settimane, osservando "assoluto riposo", come ha fatto sapere il medico della nazionale verdeoro Rodrigo Lasmar. "Non è un infortunio grave, nel senso che non occorrerà un intervento chirurgico, ma per guarire dovrà restare immobile", ha chiarito il medico. Mondiale finito. Peccato davvero, perché Neymar era uno dei giocatori più attesi. Il forte attaccante del Barcellona non ha espresso tutte le proprie potenzialità, anche se chiude la sua esperienza a "Brasile 2014" con un bottino personale di quattro reti.

Un infortunio pesante per i padroni di casa che nella sfida con la Germania in programma martedì 8 luglio allo stadio Mineirao di Belo Horizonte dovranno fare a meno del loro attaccante più importante: "Il Brasile soffrirà molto per la sua assenza ma continuerà ad aiutarci con la sua allegria - spiega David Luiz, autore del raddoppio con la Colombia con una splendida punizione da trenta metri -. Saremo tutti al suo fianco e lotteremo per entrare in campo con ancora più forza".

"Noi dipendiamo da Neymar - ha sottolineato il capitano Thiago Silva - perché nella nostra squadra è uno che fa la differenza ma vinceremo la sesta coppa del mondo anche per lui". Anche il forte difensore del Paris Saint Germain (ex MIlan) salterà la semifinale a causa di un giallo rimediato per fallo di ostruzione sul portiere della Colombia. Sicuramente queste due assenze peseranno. La Germania ringrazia.

Zuniga, l'autore del brutto fallo, è dispiaciuto. Ma tiene a far sapere che non c'era cattiveria. Ai microfoni di Globo ribadisce che la sua ginocchiata "non voleva essere cattiva, si è trattato di un'azione normale di gioco. Non avevo certo intenzione di fargli del male. Sul campo do tutto per la maglia del mio paese, ma senza mai la volontà di ferire un avversario".

Felipe Scolari, ct brasiliano, non è in vena di perdono e punta il dito contro l’arbitro dell’incontro, lo spagnolo Velasco Carballo: "Nemmeno un cartellino giallo? Nulla. Thiago (Silva, ndr) passa davanti al portiere e viene ammonito. È incomprensibile".

Commenti

Lofelo

Sab, 05/07/2014 - 09:51

Ma a nessun altro oltre a me ha visto una violenta ginocchiata di Zuniga ????

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Sab, 05/07/2014 - 10:16

Zuniga= delinquente.

Ritratto di marforio

marforio

Sab, 05/07/2014 - 10:23

Avra tempo di pensare alla sua indegna arroganza .

magnum357

Sab, 05/07/2014 - 10:25

Fuori Neymar, fuori il Brasile nella prossima partita !

GMfederal

Sab, 05/07/2014 - 11:14

alleluia!!!

pc1966

Sab, 05/07/2014 - 11:17

L'intervento di Zuniga è da assassino, deve essere sanzionato severamente, non si puo permettere a un giocatore, di fare interventi di questo genere, Neymar avrebbe potuto farsi davvero male e ha rischiato di chiudere la sua carriera di calciatore. che la FIFA intervenga, subito e severamente.

Mefisto

Sab, 05/07/2014 - 11:33

" Quando è caduto a terra, spinto da un giocatore della Colombia "... SPINTO ??? altro che spinto, quel bastardo di Zuniga è piombato con un gigantesco balzo, il ginocchio in avanti, come una lancia, sulla schiena di Neymar.

Ritratto di Blent

Blent

Sab, 05/07/2014 - 11:51

mi spiace per il ragazzo ma il brasile si merita un po' di sfiga divina visto che gli umani lo stanno aiutando troppo spesso.

Ritratto di maurofe

maurofe

Sab, 05/07/2014 - 11:57

Premetto che Neymar non lo sopporto...ma non sopporto nemmeno la violenza nel calcio a maggior ragione se "tollerata" dalla FIFA per lo spettacolo....

Armandoestebanquito

Sab, 05/07/2014 - 12:09

non detto. potrebbe essere positivo addirittura. Il colombiano molto forte come il francese vanno squalificati tutte e due

Ritratto di laky

laky

Sab, 05/07/2014 - 12:51

Perché è permessa in queste partite tanta violenza? I calciatori si aggrediscono in modo più scorretto di quanto avvenga sul ring! Gli arbitri dove sono? Tutto è forse condizionato dagli elevati guadagni? Credo che vi sia una elevata responsabilità dell'arbitraggio che non ferma il gioco tanto violento.

galeno66

Sab, 05/07/2014 - 13:13

Prima del'intervento di Zuniga, fingendo di essere stato colpito ha fatto un volo tale da darmi l'idea di essersi ferito sul serio...mi spiace per l'infortunio del pagliaccio Neymar. Ma peggio di tutti Scolari, sembra il fratello benzinaio di Domeneq: James Rodriguez è stato sanzionato al primo fallo dopo i 50 subìti e lui parla ancora??? Spero che Eupalla ci pensi.

Ritratto di Ludovicus

Ludovicus

Sab, 05/07/2014 - 13:15

marforio, che intervento squallido degno di un personaggio meschino all'ennesima potenza come te.

taffazzi

Sab, 05/07/2014 - 13:49

Entrata in corsa a ginocchio alto sulla schiena dell'avversario. Zuniga dice he non c'era cattiveria. E se era cattivo che avrebbe fatto?

GMfederal

Sab, 05/07/2014 - 14:39

Ció che vi viene concesso dagli arbitri e dal mafioso Blatter vi viene tolto dalla Divina Provvidenza. Molto semplice.

Ritratto di Nanuq

Nanuq

Sab, 05/07/2014 - 14:51

Sport del calcio? No, la brutale violenza è diventata uno sport. In questo caso è chiamato "calcio". Ho visto moltissimi interventi che qualche anno fa sarebbero stati sanzionati con l'espulsione, ora mi sono domandato: ma che aspetta l'arbitro a estrarre almeno (!?) il giallo? Forse aspetta il morto? Ma dove stiamo finendo gente. Bell'esempio date a quei poveri bambini che, tenendo amorevolmente per mano, accompagnate sui campi di "calcio" ad insegnare loro come si potrebbe arrivare impunemente all'omicidio preterintenzionale, perpretato praticando la, ormai violenza bestiale, chiamata calcio.

Armandoestebanquito

Sab, 05/07/2014 - 14:58

oh Dio, Neymar rischia la carriera, altro che 4-6 settimane. Zuniga dovrebbe essere punito peggio di Suarez. Il francese Blaise Matuidi ha fratturato il nigeriano Ogenyi Onazi senza palla, e non e'sucesso nulla. FIFA selettiva, discriminante e complice

Ritratto di giancarlo

giancarlo

Sab, 05/07/2014 - 15:56

marforio si è bevuto il nulla che ha al posto del cervello.

Ritratto di giancarlo

giancarlo

Sab, 05/07/2014 - 16:00

non è più gioco del calcio, ma di calci e calcioni. Non si sono mai visti tanti errori arbitrali. Non si sono mai sentiti commenti tanto di parte (e da veri incompetenti), vero rai1? Pennivendoli demenziali!!!

linoalo1

Sab, 05/07/2014 - 16:11

Siamo proprio sicuri che sia stata solo Sfortuna?Lino.

Raffa10

Sab, 05/07/2014 - 20:05

E' allucinnante vedere un calciatore professionista che si avventa in maniera violenta non solo verso un avversario ma contro un ragazzo di 23 anni rischiando di ridurlo a vivere per il resto della sua vita in una sedia a rotelle. E' sì, bastava solamente qualche centimetro e la vita di questo compione, che stava svolgendo solamente una partita di calcio, avrebbe subito un dramma. Ringrazio Dio per quel ragazzo che in qualche modo supererà il suo infortunio con il tempo (spero). Ma la Fifa cosa fa in queste occasioni? Ci sono in ballo le vita di esseri umani e di calciatori professionisti che devono essere tutelate.

Raffa10

Sab, 05/07/2014 - 20:06

Per il gesto che ha commesso, Zuniga dovrebbe essere punito in maniera esemplare, per mettere fine a questi falli pericolosi che vengono commessi in un campo di calcio, specialmente da professionisti visti da tutto il mondo. Se questo sarà fatto verrà salveguardato lo sport e sarà un esempio che dobbiamo essere persone corrette e rispettose della vita del prossimo.