Mondiali 2018, Spagna e Portogallo agli ottavi con il brivido

Portogallo e Spagna hanno tremato contro Iran e Marocco ma alla fine staccano il pass per gli ottavi di finale. Iberici primi nel girone in virtù del maggior numero di reti realizzate rispetto ai lusitani, sei contro cinque

Il Portogallo di Fernando Santos si fa riprendere nel finale dall'Iran del grande ex Queiroz ma nonostante il brivido vola agli ottavi di finale al Mondiale in Russia. Al gran gol dell'ex Inter Quaresma, che con una trivela fantastica a fine primo tempo aveva portato in vantaggio i lusitani, ha risposto Ansarifard al 93'. La gara è stata dura per i portoghesi con l'Iran sempre in partita e con Cristiano Ronaldo che ha fallito un calcio di rigore al minuto 52'. L'errore dagli undici metri del fuoriclasse di Funchal poteva costare caro ai campioni d'Europa in carica che non sono riusciti a far valere il maggior tasso tecnico e alla fine hanno anche rischiato di soccombere con Taremi che al 95' ha colpito l'esterno della rete. Portogallo agli ottavi di finale e Iran eliminato ma a testa altissima: i lusitani ora se la vedranno contro l'Uruguay di Tabarez che ha vinto il girone A a punteggio pieno

Nell'altra partita del girone la Spagna di Fernando Hierro ha tremato e non poco contro il Marocco già eliminato. Gli iberici sono riusciti a pareggiare solo al 93' con Iago Aspas. In precedenza erano stati Boutaib, Isco e En Nesyri, a siglare le altre reti del match. Le Furie Rosse confermano di non essere in un buon stato di forma e già le partite contro Portogallo e Iran, nonostante la vittoria, avevano fatto scattare un piccolo campanello d'allarme in casa Spagna. Il Marocco, già eliminato, avrebbe meritato il successo per la gran mole di occasioni prodotte durante tutta la partita ma alla fine il maggior tasso tecnico e la maggior esperienza è stato utile per permettere ai ragazzi di Hierro di pareggiare e di chiudere il girone B al primo posto. Prossimo avversario sarà la Russia padrona di casa che ha chiuso al secondo posto il girone A, dietro all'Uruguay.