Montolivo: "Voglio regalare una carezza a chi mi ha augurato la morte"

Montolivo risponde in maniera elegante e matura a quei tifosi che avevano gioito per il suo brutto infortunio rimediato contro la Spagna

Riccardo Montolivo non sta vivendo un periodo molto fortunato. Il capitano del Milan si è rotto i legamenti del ginocchio sinistro con la maglia dell'Italia ed è già il secondo infortunio grave che l'ex Fiorentina rimedia con la nazionale, il 31 maggio del 2014 si ruppe la tibia e il perone. Montolivo, ormai da tempo, è bersaglio di parte della tifoseria rossonera ma non solo: in occasione della sfida contro la Spagna, il calciatore cresciuto nel vivaio dell'Atalanta è stato sonoramente fischiato dai tifosi azzurri tanto che è dovuto scendere in campo il capitano dell'Italia Gianluigi Buffon in difesa del suo compagno di squadra:"Credo sia uno scempio, ed è scandaloso che Montolivo venga fischiato ogni volta che gioca con la maglia della Nazionale. Questa è già la seconda volta che capita, bisogna insegnare ai tifosi il rispetto per i giocatori che hanno sempre mostrato attaccamento all'azzurro e che si sono procurati, come nel caso di Riccardo, anche due infortuni importanti per giocare con noi".

Montolivo, da persona matura, non si è mai curato delle critiche e anche questa volta ha mostrato una grande educazione nel rispondere a quei tifosi che avevano gioito per il suo grave infortunio patito contro le Furie Rosse. Ecco il suo pensiero dal profilo ufficiale di Facebook: “Grazie di cuore a tutte le persone che hanno speso un pensiero per me. Tifosi, colleghi, addetti ai lavori. È stato bello, in un momento così faticoso, ricevere così tanti attestati di stima e affetto. E una carezza a tutti quelli che mi hanno augurato la rottura di tibia e perone, la rottura di tutti i legamenti e la morte… Con l’augurio che la vita riesca a farvi crescere in educazione e rispetto dell’essere umano. RM”.

Commenti

Martinico

Lun, 10/10/2016 - 18:32

Se la stessa enfasi gli ultrà degli stadi Italiani la mettessero in alcune manifestazioncine dove viene richiesto il diritto al futuro di tutti. Saremmo un Paese con la P maiuscola.

precisino54

Lun, 10/10/2016 - 18:37

Purtoppo sono certo che Montolivo non avrà modo di leggere queste mie: gli auguro una guarigione pronta ed un ritorno in campo a mostrare ai tanti che lo fischiano la differenza tra un campione della sportività, oltre che del calcio, ed uno abile solo nell'arte pedatoria. Non voglio certo dire che che il fair play sia cosa rara, ma sicuramente scarseggia in tanti, sia tra i suoi colleghi che tra i tifosi. Che lo fischino a prescindere dagli errori anche i tifosi milanisti è proprio inconcepibile e lo dico da milanista da oltre mezzo secolo che lo apprezzava già quando vesitva la maglia viola, in campo non si è mai tirato indietro e gli infortuni ne sono la prova e certamente mai sentita una parola fuori dal suo stile, garbato, quasi un signore di altri tempi, con un po' di sfiga addosso. In definitiva direi che il suo torto sia stato il non aver fatto la "prima donna" ed aver pensato alla squadra più che a se stesso.

Ritratto di lurabo

lurabo

Lun, 10/10/2016 - 18:53

Qualcuno tempo fa disse "I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli“ Come dargli torto?

Georgelss

Lun, 10/10/2016 - 22:34

@Lurabo:Dice @dreamer66 che lo disse Eco. Che Eco sia stato contro il diritto e la liberta'di parola? Chi sa risponderci??

emigrato1978

Mar, 11/10/2016 - 00:59

Un sincero augurio di pronta e completa guarigione.

Ritratto di lurabo

lurabo

Mar, 11/10/2016 - 12:16

@Georgeless: se Eco sia stato o meno contro il diritto e la libertà di parola questo non lo so, quello che so è che ha detto una grandissima vertià!!!!