Morata dice addio alla Juve: il Real vuole rivenderlo

Alvaro Morata lascia la Juventus e torna ufficialmente al Real Madrid. La società spagnola tramite una nota sul proprio sito ha comunicato di aver esercitato il diritto di recompra

Si è chiuso nel tardo pomeriggio uno dei tormentoni che ha animato questa prima fase di calciomercato. Alvaro Morata lascia la Juventus e torna ufficialmente al Real Madrid. La società spagnola tramite una nota sul proprio sito ha comunicato di aver esercitato il diritto di recompra che vantava sul giocatore. Al club bianconero vanno circa 30 milioni di euro. La notizia era stata anticipata questa mattina dal direttore generale della Juventus Beppe Marotta, che aveva di fatto annunciato l'addio dell'attaccante. "Ritengo dai contatti che abbiamo avuto che il Real Madrid usufruirà di questo diritto di recompra. Credo che nei prossimi giorni ce lo comunicheranno per iscritto - ha spiegato il dirigente del club di Corso Galileo Ferraris parlando al J Medical in occasione della visita del presidente del Coni Giovanni Malagò - Valuteremo il da farsi ma le possibilità che possa continuare con noi in questo momento penso siano molto ridotte".

Appurato l'addio alla Juventus, resta da capire il futuro del centravanti spagnolo, che con ogni probabilità non resterà al Real dove sarebbe chiuso da Karim Benzema. Probabile la destinazione in Premier League, con Arsenal e Chelsea in prima fila. Da non escludere anche l'ipotesi Paris Saint Germain, sempre alla ricerca di una punta che possa colmare il vuoto lasciato da Ibrahimovic. Incalzato dai giornalisti anche sul futuro di Pogba, all'indomani delle parole del suo procuratore Mino Raiola che aveva aperto a un possibile passaggio al Real Madrid, Marotta è stato esplicito. "Richieste effettive non ne sono arrivate, soprattutto perché noi non vogliamo sederci al tavolo per una trattativa - ha sottolineato - Lo riteniamo un elemento indispensabile per il presente e il futuro della Juve che ambisce a ottenere sempre il massimo dei risultati possibili. La Juventus non è venditrice, per vincere bisogna anche avere la forza di tenere i campioni, e noi cercheremo di farlo in tutti i modi".