Morte Pantani, lo spacciatore alle Iene: ''Non è morto per cocaina, è stato ucciso''

Fabio Miradossa gli vendette l'ultima dose: ''Non è morto per cocaina, è stato ucciso. Indagate sui 20 mila euro spariti''

''Marco Pantani non è morto per cocaina. Marco è stato ucciso. Magari chi l’ha ucciso non voleva farlo, ma è stato ucciso'' sono le parole dello spacciatore Fabio Miradossa, che ha raccontato la sua verità a Le Iene nella puntata di ieri sera in onda su Italia 1.

Il corpo del Pirata venne ritrovato senza vita il 14 febbraio 2004 nella sua stanza al residence Le Rose di Rimini. Fu lui a vendergli l'ultima dose ma, secondo il suo racconto, non fu quella ad ucciderlo. La giustizia ha chiuso il caso parlando di morte per overdose da cocaina: ''Marco ne chiedeva tanta di cocaina. A cosa vogliamo arrivare? Se quei 20 grammi finali...''.

Poi continua il suo racconto alla Iena Alessandro De Giuseppe: ''Non so perché all’epoca giudici, polizia e carabinieri non siano andati a fondo. Hanno detto che Marco era in preda del delirio per gli stupefacenti, ma io sono convinto che Marco quando è stato ucciso era lucido. Marco è stato al Touring, ha consumato lì e quando è ritornato allo Chalet (il Residence Le Rose) era lucido...''. Resta irrisolto il mistero sulla somma di denaro mai ritrovata: ''Aveva prelevato 20 mila euro a Milano. Al pm ho detto 'cercate i soldi' perché in quella camera chi ha ammazzato Marco è perché cercava i soldi. Io sapevo di quei soldi perché erano per me, per la cocaina. Erano un pò per un debito vecchio e un pò una fornitura''.

Per la giustizia è un caso chiuso, Pantani sarebbe morto come conseguenza di comportamenti ossessivi, dopo aver esagerato con la droga e sfasciato tutta la sua stanza d’albergo. Quei comportamenti violenti e un cocktail di droga e farmaci, secondo i giudici, avrebbero poi portato alla morte del campione, vittima di un arresto cardiaco. Ma restano intatti i dubbi su quanto accadde davvero quel tragico 14 febbraio.

Segui già la nuova pagina Sport de IlGiornale.it?

Commenti

jaguar

Mer, 09/10/2019 - 11:46

Marco è stato ucciso due volte, la prima quando è stato squalificato per presunto doping al Giro del 1999, la seconda in quell'appartamento di Rimini. Ma a molti personaggi fa comodo la storia di un Pantani suicida.

PRALBOINO

Mer, 09/10/2019 - 11:58

Marco sei una vittima resta il fatto che alla rappresentazione della vita hai dato tantissimo spero che stai correndo e vincendo in un mondo migliore di questo

dagoleo

Mer, 09/10/2019 - 12:10

lasciatelo stare. sfasciava una macchina al giorno in giro per Cesena e Riccione, era un drogato ormai in stadio avanzato, in preda a deliri autodistruttivi. la famiglia ormai se ne fregava del tutto di lui e della sua vita sregolata. lasciatelo riposare in pace, tanto non cambia nulla come sia morto.

mozzafiato

Mer, 09/10/2019 - 13:14

Ormai sulla morte di pantani non ci resta che ridere! Questo è l'ennesimo scugnizzo malavitoso che rivela la sua verità sulla sua morte. Proprio alcuni giorni fa la procura competente HA CONFERMATO CARTE ALLA MANO CHE LA SUA MORTE È DOVUTA AD UNA OVERDOSE FATALE.Ora ci sarà chi scriverà un nuovo libro pieno zeppo di tragicomiche bufale, di contatti mafiosi, di oscuri assassini di ciclisti che si muovono nell'ombra. Eppure ci sono milioni di beccamorti che credono a queste scemenze e rifiutano la squallida verità relativa alla sua consolidata E DIMOSTRATA abitudine di ricorrere al doping, COSA ABBONDANTEMENTE PROVATA DALLE INCHIESTE SPORTIVE E PENALI! Povera Italia con cotanti italiani!

fergo01

Mer, 09/10/2019 - 13:18

DAGOLEO se beccano chi l'ha effettivamente ammazzato e perché magari qualcosa cambia. in italia vogliamo la verità anche per i più illustri sconosciuti e per un campione come pantani no?

mozzafiato

Mer, 09/10/2019 - 13:26

Leggo i commenti ridicoli di alcuni irriducibili; a parte le note vicende tutte comprovate relative a quando che è stato beccato "positivo", voglio citare un fatto SEMINSABBIATO DALL'INTERA Disinformazione ITALIANA (verificabile però facendo una semplice ricerca con google. Anni fa il parlamento francese, ordinò una inchiesta sul doping al tour. Ebbene venne fuori che i reperti organici di pantani sequestrati dalle autorità francesi DIMOSTRARONO LA SUA POSITIVITÀ AL TOUR DA LUI VINTO, assieme a quella di Ulricht e di Cipollini. TUTTO FINI' A TARALLUCCI E VINO PERCHÈ IL PIRATA NEL FRATTEMPO ERA MORTO E QUINDI NON POTEVA DIFENDERSI! Cari creduloni, DOCUMENTATEVI prima di giudicare e soprattutto non fidatevi di chi, SFRUTTANDO LA SUA MORTE, STA ANCORA FACENDO SOLDI!

Una-mattina-mi-...

Mer, 09/10/2019 - 13:53

mozzafiato Mer, 09/10/2019 - 13:14 - IO DI QUELLE "CARTE ALLA MANO" non ne ho vista nessuna, così come di "dimostrata abitudine", e di " COSA ABBONDANTEMENTE PROVATA...". E dire che il settore lo conosco bene. Peche' ci aiuta e non pubblica lei, che la sa lunga, un libro-raccolta scientifica che illumina i poveri ignoranti? Grazie

fergo01

Mer, 09/10/2019 - 14:54

MOZZAFIATO non sono un irriducibile né un appassionato di ciclismo: dico solo che se è vero che non tutto ciò che è stato trovato o provato corrisponde a realtà, è giusto continuare a scavare. e questo vale per chiunque. e poi ridicole saranno le tue esternazioni, che di documenti ufficiali non se ne sono mai visti, nemmeno in rete (salvo le chiacchiere che valgono zero)

jaguar

Mer, 09/10/2019 - 14:59

mozzafiato, ma lei crede veramente che Pantani nel giro del 99 fosse positivo all'antidoping? Era maglia rosa, sapeva benissimo dei controlli a fine gara e secondo lei si dopava? Lo hanno incastrato per bene, vinceva troppo e cominciava a dare parecchio fastidio a qualcuno.

mozzafiato

Mer, 09/10/2019 - 16:54

FARGO 01 si vede che di ciclismo SANO non ne mastichi una mazza! QUINDI SECONDO I TUOI RIDICOLI Ragionamenti DA TIFOSO DI PERIFERIA L'INCHIESTA DEL SENATO FRANCESE CHE HA ACCERTATO LA POSITIVITÀ DI PANTANI AL TOUR VINTO NEL 99 NON È UN DOCUMENTO UFFICIALE (magari è una bufala della camorra che ha ucciso pantani). Guarda che il sottoscritto segue il ciclismo da 60 anni MA NON DA TIFOSO COME TE.

mozzafiato

Mer, 09/10/2019 - 17:32

UNA MATTINA MI SON... io vorrei che questa discussione restasse nei binari del buon senso e non sconfinasse in quelli dei discorsi da bettola. Allora io voglio restare IN TEMA DOCUMENTI E SENTENZE E NON appellarmi alle affermazioni di galantuomini come vallanzasca & Co, o di coloro che "hanno sentito dire" ( IL TUTTO DI FATTO MAI PROVATO) : per sintetizzare ti rimando ad un articolo di M. Travaglio sul fatto del 31 ottobre 2014 intitolato "SPORT & MILIARDI" articolo sul quale sono riportati fatti, documenti sentenze e testimonianze che riguardano la tristissima storia di pantani ed il doping. Ti rammento inoltre che impostando una semplicissima ricerca con google TROVERAI UNA SERIE INFINITA DI NOTIZIE E DATI SULLA VERA STORIA DI PANTANI E IL DOPING... mi pare ovvio che i miei pareri contano nulla (come vedi NON LI ESPRIMO) ma tu leggi con attenzione e poi magari torna qui a contestare quelle citazioni. Ok?

mozzafiato

Mer, 09/10/2019 - 17:35

FARGO 01 Mi correggo : mi riferivo al tour del 98 e non del 99.

Giorgio Rubiu

Mer, 09/10/2019 - 19:02

Salvare la fama dell'eroe Pantani avvolgendo la sua morte in una sorta di mistero sembra essere la missione che alcuni si sono imposti. Prendere in considerazione l'ipotesi del drogato che muore per un'overdose è pura blasfemia. Pantani era un uomo che è andato a pezzi dopo che è stato privato della vittoria al Tour de France per doping e, abituato ad essere un eroe del ciclismo agonistico, non ha saputo reggere alla caduta di fama ed ammirazione e si è rifugiato nella droga fino a perdere il controllo. La storia dei 20.000 € è tutta da verificare, mentre la sua discesa del piedestallo e la dedizione alle droghe sono documentate.

fergo01

Mer, 09/10/2019 - 19:38

MOZZAFIATO potrò non essere appassionato di ciclismo ma sono sicuramente appassionato di tutto lo sport sano: il fatto che pantani sia stato trovato doppato nonostante sapesse dei controlli sicuri, non ti pare strano? io continuo a pensare, come dice JAGUAR, che l'abbiano incastrato.... poi considerami come ti pare