Motogp Gp d'Aragon: storia delle 4 precedenti edizioni

Domenica sul circuito di Alcaniz si disputa la quinta edizione del GP d'Aragon, gara che dal 2010 ha sostituito il GP d'Ungheria. Con questa prova la Spagna è la nazione con più GP, addirittura quattro, con Jerez, Valencia e Catalunya. I vincitori sino a questo momento sono stati Stoner, doppietta, Pedrosa e Marquez. Vediamo i particolari delle edizioni precedenti

Non solo il tracciato, tra le bellezze del Gp d'Aragon

Il prossimo appuntamento con il GP di motociclismo è con la pista del Motorland Aragon, un circuito che si trova al Alcaniz, della lunghezza di 5078 metri. La caratteristica principale di questo circuito, disegnato da Hermann Tilke, con la collaborazione di Pedro De La Rosa, ex pilota di Formula Uno, sono i curvoni in pendenza, che richiedono una grande stabilità del mezzo meccanico e grande abilità da parte dei piloti che lo conducono. Il rettilineo principale del tracciato misura 968 metri di lunghezza e le curve totali sono diciassette, per un percorso molto vario, che è piaciuto ai piloti sin dalla prima edizione disputata nel 2010. In quell'anno infatti corse per la prima volta, in sostituzione del GP d'Ungheria, ed il tracciato spagnolo è nei programmi del motomondiale almeno sino al 2016. L'anno successivo, sulla scia di questo successo, il circuito di Alcaniz è divenuto anche una tappa del mondiale della categoria Superbike, con un tracciato più lungo, che misura in totale 5344 metri.

Fin dalla prima edizione le gare del GP d'Aragon sono state molto combattute e nelle due prime edizioni, il pilota australiano Casey Stoner, oggi ritiratosi dal Motomondiale, seppe mettere a segno una doppietta, il primo anno in sella all'italiana Ducati, ed il secondo in sella alla Honda. La casa giapponese è anche la più titolata su questo circuito in quanto anche le edizioni seguenti si impose in moto GP, nel 2012 con la guida di Pedrosa, e lo scorso anno con Marquez, che poi si aggiudicò anche il mondiale. Per gli Italiani questa pista non ha riservato mai grandissime soddisfazioni, con il solo Andrea Iannone che seppe conquistare il gradino più alto del podio nel 2010, quando correva nella categoria Moto2, in sella alla SpeedUp.

La prima edizione come detto, è datata 2010, ed in quella occasione per dare modo ai piloti di conoscere meglio la pista fu deciso di effettuare un turno supplementare di libere. Sin dai primi giri sono le Ducati ad ottenere i migliori tempi ed al termine della qualifica Stoner ottiene la pole position e Nicky Haiden la quarta piazza, mentre tra di loro si piazzano i padroni di casa Jorge Lorenzo su Yamaha e Dani Pedrosa su Honda. La gara vede una partenza lampo di Stoner seguito da Pedrosa, che non riesce a mettere mai in pericolo la prima posizione dell'Australiano; Lorenzo mantiene per molto tempo la terza piazza, ma negli ultimi giri viene superato da Hayden che porta così la seconda Ducati sul podio, per una doppietta da sogno per la casa di Panigale. Sfortunata la gara di Valentino Rossi, che si deve accontentare della sesta posizione dopo una gara molto difficile, conclusa con 27 secondi di distacco dal primo posto. Nel 2011 Stoner è passato in sella alla Honda, ma è ancora una volta il dominatore sia delle prove che della gara. Dopo aver conquistato una splendida pole, fa il bis in gara per poi conquistare a fine stagione il mondiale. Dietro di lui in gara si piazza il compagno di scuderia Pedrosa, e sul gradino più basso del podio Lorenzo su Yamaha, mentre Marco Simoncelli, quarto, è il primo degli Italiani. La Honda si conferma la moto migliore con tre moto nei primi quattro posti e il Sic a lungo terzo, dopo essersi trovato quinto riesce a ripassare Spies. Per The Doctor partenza dai box e decima posizione finale.

Nel 2012 Stoner è assente, sostituito da Rea, che già aveva preso il suo posto a Misano. Il GP è combattuto sin dalle prove con Lorenzo che conquista la pole, ma non risce a confermarsi in gara, dovendo cedere la vittoria a Dani Pedrosa su Honda. Il distacco tra i due connazionali alla fine della gara sarà di 6 secondi. Andrea Dovizioso in sella ad una Yamaha della scuderia Tech 3 conquista la terza posizione, mentre Rossi chiude all'ottavo posto, alle spalle proprio della Honda di Rea. Marc Marquez conquista per la prima volta il Gp d'Aragon nell'edizione 2013, dopo che Pedrosa è uscito di pista nel corso del sesto giro, giocandosi così le residue speranze di lottare per il titolo mondiale. La partenza della gara vede subito in testa Lorenzo, poi Marquez riesce nel sorpasso coronando la corsa con una vittoria. Alla fine della gara primo podio ad Aragon per Valentino Rossi, che porta alla terza posizione la sua Yamaha, dopo una lotta strenua con Bradl e Bautista.