Muller, l'uomo qualunque che ha messo in ginocchio re Nadal Ok Federer

Marco Lombardo

nostro inviato a Wimbledon

Che il tennis sia diventato uno sport per anzianotti, si era capito dalla calata di over 30 negli ottavi di finale di Wimbledon. Il problema per Rafa Nadal è stato incontrare uno più vecchio di lui, ovvero il 34enne Gilles Muller, che il suo best ranking lo ha ottenuto ora che i capelli di gioventù sono diventati una stempiata sotto il cappellino. E in pratica: il super lunedì è diventato quello della prima grande sorpresa del torneo, visto che ad un certo punto Rafa si è trovato a salvare due match point sul 4-5 del quinto set, tra facce incredule e sospiri di passione. Compreso quello di Federer, che dopo aver liquidato Dimitrov in tre set, si gustava il match davanti alla tv come un tifoso qualunque: «Sono un appassionato anch'io, queste partite sono un bene per il tennis». Meno, ovviamente, per il suo storico rivale.

E allora: Nadal-Muller è stato il match che ha risvegliato un Wimbledon dal torpore della prima settimana. Con lo spagnolo entrato in campo dopo aver preso una capocciata sullo stipite della porta del corridoio d'ingresso (scena da Paperissima), sorpreso nei primi due set dal servizio perfetto dell'avversario; e con il lussemburghese in calando negli altri due. In pratica: 6-3, 6-4 per l'uno e 6-3, 6-4 per l'altro. E quando il pronostico era tutto per la grande rimonta di Rafa con Djokovic che aspettava di giocare subito dopo e invece costretto negli spogliatoi tutto il giorno -, ecco il quinto set che non t'aspetti: epico, giocato colpo su colpo e ad oltranza.

Con Muller a salvare palle break e Nadal a difendersi dal ko altre due volte fino alla clamorosa condanna finale dopo 4 ore e 48: Muller vince 15-13, dodici anni dopo l'unica volta aver sconfitto Rafa proprio a Wimbledon. Forza vecchietti, insomma. Soprattutto se pensiamo che Venus Williams (37 anni) e Roger Federer (quasi 36) festeggeranno il traguardo del centesimo match della vita sull'erba londinese. Come dire: il Gerovital, nel tennis, funziona.

Oggi quarti donne: Muguruza-Kuznetsova, Rybatikova-Vandeweghe, V. Williams-Ostapenko, Konta-Halep. Domani quarti uomini: Murray-Querrey, Muller-Cilic, Federer-Raonic, Berdych-v. Djokovic/Mannarino