Oltre a Campbell per gli Azzurri pericolo caldo

Domani contro la Costa Rica a Recife gli Azzurri potrebbero ottenere la qualificazione anticipata agli ottavi di finale dei Mondiali. Ma lo spauracchio, oltre ai sorprendenti Cemtro-Americani, è il caldo con 35 gradi previsti.

Venerdì 20 Giugno, ore 18 a Recife: nella seconda partita del girone eliminatorio dei Mondiali brasiliani, l'Italia di Prandelli potrebbe guadagnare anticipatamente la qualificazione agli ottavi di finale.

Molto dipenderà anche dal risultato dell'altro match del girone tra Uruguay ed Inghilterra, ma è chiaro che l'occasione è ghiotta. Lo spauracchio, però, oltre agli avversari che hanno stupito il Mondo trionfando nella gara di debutto, è anche e soprattutto il caldo che gli Azzurri troveranno in campo.
A Recife infatti si giocherà presumibilmente con 35 gradi all'ombra. Già durante gli allenamenti il Commissario Tecnico di Orzinuovi si è reso conto della difficile situazione nella quale la sua squadra dovrà affrontare il prodigio Campbell e compagni. Inoltre, l'Italia si troverà a fare di nuovo i conti con le assenze, anche se Gianluigi Buffon potrebbe trovare il suo posto in porta, dopo aver saltato l'esordio contro gli Inglesi, ben sostituito da Sirigu.

Prandelli è infatti ben intenzionato a non sottovalutare gli avversari: commettere lo stesso errore dell'Uruguay sarebbe una distrazione imperdonabile, ma come detto sono anche le contromisura da prendere contro il campo a non far dormire sonni tranquilli al CT, che sa bene come la Costa Rica sia più abituata a giocare a certe temperature.

Il regolamento FIFA per Brasile 2014 prevede time-out a metà di primo e secondo tempo in caso di temperatura superiore ai trentadue gradi. In Italia-Costa Rica potrebbe essere dunque la volta buona per assistere alle interruzioni in stile volley e basket.