Petagna sfida il Milan: "Ho già battuto Romagnoli e Montella..."

Petagna non vede l'ora di giocare contro il Milan. L'ex attaccante cresciuto nel vivaio rossonero ha dichiarato di non avere rimpianti ed è felice all'Atalanta

Andrea Petagna è cresciuto nelle giovanili del Milan ma concretamente non ha mai avuto l'opportunità di potersi affermare in rossonero. L'attaccante classe 95 ha messo insieme solo 5 presenze complessive con la maglia del Diavolo: 3 in Serie A, una in Coppa Italia e una in Champions League. Petagna, dopo le esperienze con Sampdoria, Vicenza, Latina ed Ascoli ha trovato la sua giusta dimensione all'Atalanta con Gian Piero Gasperini che gli ha dato fiducia nonostante davanti avesse due veterani come Mauricio Pinilla e Alberto Paloschi.

Sabato alle ore 18 l'Atalanta giocherà al Meazza contro il Milan di Montella e Petagna è carico per la sfida al suo ex grande amore. Ecco le sue parole ai microfoni della Gazzetta dello Sport: "Lo ammetto, sono emozionato, ma non vedo l'ora di giocare. Il Milan per me resterà per sempre una famiglia. Montella e Romagnoli? Li ho già battuti, era il 2010 in una finale dei giovanissimi contro la Roma, Montella era in panchina e Romagnoli in difesa...e io feci gol... Rimpianti? Sono felice all'Atalanta e non ho modo di pensare al Milan o a quello che poteva essere. Se segno sabato esulto? Non ci ho pensato, nel caso sarà una reazione spontanea".