Prandelli: "L'Irlanda dirà se Rossi è da Mondiale"

Per il viola serve un test con i contrasti. Il ct: "Adesso sta bene, ma voglio vederlo in una partita vera"

Firenze - Azzurri al lavoro a Coverciano con doppia razione. Al mattino parte fisica: Prandelli lo ha spiegato con decisione, vuole la squadra al massimo delle potenzialità nel caldo umido del Brasile. Pomeriggio a porte chiuse con cura della tattica. Il ct sta in apnea: aspetta ogni giorno segnali positivi da Giuseppe Rossi: «Clinicamente sta bene, il ragazzo sta lavorando molto bene sia in campo che nello spogliatoio. Sarà poi la partita vera a dare i responsi finali». Così si è espresso ieri il medico azzurro, professor Castellacci.

Il vero test per Rossi saranno i contrasti: in queste partitelle in famiglia, Prandelli cercherà di riprodurre il clima della gara per capire se Pepito sia ormai libero mentalmente, dopo lo scontro con Rinaudo in Fiorentina-Livorno del 5 gennaio scorso. E' vero che nell'ultima parte della stagione ha giocato qualche segmento di gara, segnando pure un gol su rigore al Torino e fornendo un assist per Cuadrado a Livorno, ma ha subìto solo poche entrate dagli avversari. Lo stesso Montella, in allenamento, aveva cercato di farlo recuperare senza stress. Ora, però, alla vigilia di una competizione come il Mondiale, Prandelli ha bisogno di comprendere fino in fondo se poter contare o meno sul fuoriclasse viola.
Passiamo agli altri azzurri: «Mario Balotelli si è trascinato dalla fine del campionato lievi disturbi agli adduttori che adesso possono essere accentuati dai carichi di lavoro della Nazionale, ma posso assicurare che non è niente di preoccupante e niente di non gestibile. Sono dolori che non danno allarmismo».

Il capo dell'equipe medica azzurra ha parlato anche di Paletta e Barzagli: «Il primo ha avuto un ematoma nell'ultima partita di campionato che si sta portando dietro. Non mettiamogli una fretta eccessiva. Barzagli, invece, ha una vecchia tendinopatia che si porta dietro da tempo quindi anche lui va gestito nella maniera più giusta. Comunque sono tutte situazioni che non danno allarmismi. Cibo scaduto al Portobello Resort (dove in Brasile alloggerà l'Italia, ndr)? Sicuramente dispiace per l'accaduto, ma noi abbiamo uno staff preparatissimo che non arriverebbe mai a una situazione del genere. E non dimentichiamo poi che dall'Italia porteremo quasi tutto quello che servirà per l'alimentazione della squadra».
Infine Bonucci: «Il rinnovo del contratto a Prandelli ci aiuta sicuramente a lavorare con maggiore tranquillità».