Ribery furioso per il cambio. Ancelotti: "Non ho capito la reazione, gli parlerò"

Ribery ha scaraventato la maglia contro la panchina per via della sostituzione. Ancelotti: "Lo volevo far riposare". Il ds del Bayern: "Da noi cose del genere non possono accadere"

Franck Ribery è uno dei veterani del Bayern Monaco. L'esterno di attacco francese veste la maglia del club bavarese da 11 stagioni ed è ancora uno dei giocatori con più estro e talento della rosa di Carlo Ancelotti. La carta d'identità, però, parla chiaro visto che l'ex Marsiglia ha già 34 anni compiuti, con l'ex tecnico di Milan, Juventus, Chelsea, Real Madrid e Psg che sta gestendo bene il suo minutaggio, ma non nella testa di Ribery.

Ancelotti, ieri sera in Champions League contro l'Anderlecht, ha deciso di sostituire Ribery sul risultato di 2-0 al minuto 78' ma il classe '83 non l'ha presa affatto bene. Il calciatore del Bayern, infatti, si è tolto la maglia scaraventandola verso la panchina. Il gesto non è piaciuto ad Ancelotti ma nemmeno alla dirigenza, con il direttore sportivo Hasan Salihamidzic che ha spiegato:"Cose così non possono succedere al Bayern. Lo chiameremo a rapporto per parlare di quanto accaduto". Ancelotti ha però voluto minimizzare: "Capisco voglia giocare 90 minuti. Non l’ho sostituito per la prestazione, quella era buona. Ma avevamo la situazione sotto controllo e lui domenica non si è allenato per alcuni problemini fisici. Potevo farlo riposare e l’ho fatto. Non ho capito la reazione, gli parlerò".