Roma batte Real Milan, primo ko contro il Lione

La Roma che batte il Real Madrid, anche se in amichevole, fa sempre un po' sensazione. C'era già riuscita un anno fa, con gol di Totti, ha concesso il bis ieri al Cricket ground di Melbourne. I giallorossi colgono la traversa al 4' con De Rossi, mantengono lo 0-0 complice un rigore non fischiato per fallo di mano di Torosidis e poi si aggiudicano la sfida ai rigori per 7-6: segnano tutti, l'unico errore è il 13° di Vasquez, parato da De Sanctis, che gli aveva già negato il gol nel finale. Il portiere doveva essere riserva, a 38 anni però è ancora titolare. Del resto è la Roma dell'ultima stagione, uscita dalla lotta scudetto con la Juve già a febbraio, unica novità Iago Falque, arrivato dal Genoa e già bene inserito. In difesa convincono Castan, 9 mesi dopo l'operazione per il cavernoma alla testa, e il giovane Capradossi. Resta in panchina Romagnoli, conferma che la Roma vuole cederlo. In lista partenti c'è pure Gervinho, a sorpresa man of match .

Meno esaltante invece la prestazione del Milan, che paga i carichi di lavoro imposti da mister Mihajlovic allo Stade Gerland di Lione, dove viene sconfitto per 2-1. Il primo ko stagionale matura grazie alla rete su punizione di Fekir al 24' del primo tempo: palla sopra alla barriera e Diego Lopez impietrito. Ripresa in cui i rossoneri faticano ma non rischiano granché, arrivando anche al pareggio al 75', con un bellissimo destro di controbalzo da fuori firmato da Poli (migliore in campo). Ma 5' dopo è Lacazette a bucare la difesa rossonera per il 2-1 definitivo.