Roma contestata dai tifosi: "Infami". Di Francesco a rischio esonero

La Roma ha perso malamente contro la Fiorentina in Coppa Italia e i tifosi se la sono presa con squadra e tecnico a Trigoria. Contestazione e lancio di oggetti contro il pullman

La Fiorentina di Pioli ha inflitto una durissima lezione alla Roma di Eusebio Di Francesco, battuta con un netto e incontestabile 7-1. Le reti della vittoria viola portano la firma di Federico Chiesa, autore di una tripletta, Giovanni Simeone, in gol due volte, Marco Benassi e Luis Muriel. La Roma è parsa scarica, nervosa e irriconoscibile a tratti con Edin Dzeko che ha perso la testa e si è fatto espellere sul 4-1 a quasi venti minuti dalla fine. Tra l'altro, secondo quanto riporta Tele Radio Stereo, l'attaccante bosniaco e Bryan Cristante avrebbero litigato pesantemente in campo in occasione di una punizione, promettendo di regolare i conti in un secondo momento negli spogliatoi.

La Roma è una polveriera con i tifosi che sui social se la sono presa con tutti chiedendo le dimissioni del tecnico che al termine del match ha parlato in questi termini a Roma TV:"C'è solo da chiedere scusa per la prestazione nei confronti della nostra gente. Faccio fatica a dare delle spiegazioni. Gara giocata e gestita malissimo, al di sotto delle nostre aspettative generali. In prima persona chiedo scusa per una prestazione vergognosa sotto tanti aspetti. Dal mio punto di vista, si dimostra di essere squadra anche quando le cose vanno male. Bisogna mettersi lì e capire determinati momenti della gara. Mi meraviglia perché sentiamo spesso parlare di Roma di giovani, ma noi non possiamo trovare sempre questi alibi. Ci dobbiamo guardare in faccia per quella che è stata la prestazione".

Il direttore sportivo Monchi ci ha messo la faccia come Di Francesco ma ha cercato di tenere un low profile:"Per me è il giorno più difficile della mia vita, mai vissuto una partita così. Bisogna solo chiedere scusa ai tifosi perchè immagino come stanno e loro sentono questa maglia come nessuno. Di Francesco? Non è il momento per fare valutazioni". A testimonianza di come i tifosi della Roma siano infuriati, la squadra ha deciso di viaggire in autobus e non in treno per evitare incontri spiacevoli alla stazione Termini. Ad attendere i giocatori e lo staff a Trigoria, però, c'era un gruppo di circa 30 tifosi giallorossi. Ovviamente non ci sono state parole al miele per i giocatori. Insulti, contestazione e oggetti lanciati contro il pullman: la prossima sfida di campionato contro il Milan sarà decisivo per il futuro dei giallorossi e di Di Francesco. Paulo Sousa è in pole per sostituirlo.