Dalla Roma alla Juve un giro del mondo che vale cinque milioni

Oggi in Australia giallorossi col Real Il 28 in Cina c'è il derby di Milano Nella caccia ai "calciodollari" si sacrifica anche la preparazione

Francesco Totti e il "selfie" sotto la Sud al gol del pareggio (clicca per vedere tutta la foto)

La prima italiana a varcare l'Oceano e a cominciare la sua tournée internazionale è la Roma. Al Cricket Ground di Melbourne, Australia, i giallorossi sfideranno oggi il Real Madrid. Si tratta dell'esordio per la squadra di Garcia in quella che dagli organizzatori è stata ribattezzata la "Champions League d'estate", o meglio International Champions Cup, che raggruppa 15 tra i club più prestigiosi del panorama calcistico mondiale: Barcellona, Chelsea, Paris Saint Germain, Manchester City, i campioni dell'edizione 2014 del Manchester United, il Real, il Benfica, i LA Galaxy, i New York Red Bulls, il Club America e il San Josè. Oltre ovviamente alle quattro italiane: Fiorentina, Inter, Milan e, appunto, Roma. Cominciata il 12 luglio, questa competizione si disputerà in ben quattro continenti, dalla Cina all'Australia, dal Nord America all'Italia e all'Inghilterra, e si svilupperà in 23 partite, tutte in esclusiva su Premium Sport, con l'ultima fissata il 5 agosto.

Ma cosa spinge tutti questi top club a farsi lunghissimi viaggi transoceanici, interrompendo la propria preparazione, per esibirsi in territori non sempre idonei al miglioramento della forma fisica? Domanda retorica. Oltre all'aumento del merchandising in queste aree, i milioni di euro che organizzatori e sponsor garantiranno. Si calcola tra i 4,5 e i 5 milioni di euro a squadra. Non rifiutabili in epoca di fair play.

Indonesia e Cina

La Roma, dopo il Real, affronterà ancora in Australia gli inglesi del Manchester City il 21 luglio, per poi volare verso Giacarta, dove il 25 luglio si organizzerà l'AS Roma Indonesia Day 2015, una manifestazione pensata per avvicinare ancora di più i fan locali alla squadra. Poi i giallorossi torneranno in Europa: prima Lisbona e poi Valencia. Una trasferta continua, ma remunerativa. Domani approderà in Cina l'Inter, due giorni più tardi sarà la volta del Milan. I nerazzurri viaggeranno tra Shanghai, Guangzhou e Shenzhen, dove il 25 luglio andrà in scena il primo derby stagionale con i rossoneri, che ad agosto dovranno trasferirsi a Monaco di Baviera per la consueta Audi Cup. Al denaro non si comanda. Il 21 luglio l'esordio anche dalla Fiorentina, che ad Harrison (New Jersey) se la vedrà con il Paris SG; tre giorni dopo a East Hartford nel Connecticut la gara contro il Benfica dell'ex viola Rui Costa. Poi ritorno in Italia, big match al Franchi il 2 agosto con il Barcellona e successivo viaggio a Londra: rivale il Chelsea di Mourinho.

Supercoppa cinese

Chi ha vinto lo scudetto, la Juventus, e chi è stata finalista di coppa Italia, la Lazio, ha orientato la prima fase di lavoro estivo per arrivare competitivo a Shanghai l'8 agosto, luogo che ospiterà la Supercoppa italiana 2015. Il premio? 1,5 milioni ad ognuno dei due club per farsi 12 mila chilometri e giocarla, come già avvenuto nel 2009, 2011 e 2012, in Cina. Meno di una settimana di trasferta asiatica per entrambe e poi rientro in Europa. Tra le big italiane soltanto il Napoli rinuncerà alle tournée internazionali, mentre si misureranno in un'esperienza all'estero anche Frosinone e Chievo. I ciociari neopromossi in Serie A si fermeranno per un weekend lungo a Tirana dove tra 4 e 8 agosto giocheranno un triangolare con Partizan Tirana e Teuta Durazzo. L'Inghilterra sarà la meta del Chievo che ha programmato tre partite con Bolton, Charlton e Queens Park Rangers, tutte formazioni che militano nella B inglese.