Roma, Spalletti non cambia «Vietato perdere punti ora»

Marcello Di Dio

La rincorsa alla Juve, il mercato in entrata che si è mosso (venerdì l'arrivo a sorpresa di Grenier dal Lione), ma soprattutto la sfida di Marassi con la Sampdoria. Spalletti, un ex, ha già battuto i blucerchiati all'andata in una gara contraddistinta dalla pioggia e più di recentemente in Coppa Italia. «Il momento che viviamo è particolare: non possiamo lasciare punti per strada - dice il tecnico della Roma - e dobbiamo tentare di vincere anche questa volta». Per farlo si affiderà alla conferma del sistema tattico difensivo a tre che sta restituendo numeri di garanzia e solidità: «Si va avanti così, i ragazzi trovano soddisfazione nel non prendere gol: i numeri sono importanti, la squadra ha concesso davvero pochissimo e dobbiamo attaccarci a questi dati e rafforzare l'attenzione al lavoro».

Il mercato chiude martedì e qualcosa potrebbe cambiare nella rosa: dopo l'approdo a Trigoria di Grenier - solo 29 minuti in stagione per guai fisici -, è sfumato Defrel del Sassuolo (manca l'accordo tra le società), mentre Paredes è in lista di partenza, Kessiè è un obiettivo per giugno. «Ho grande fiducia nel francese - così Spalletti - di Paredes non ho chiesto la cessione, ma se bisogna mettere i conti a posto... L'atalantino mi piace molto. E comunque nella rosa non c'è nulla da riparare, dò fiducia ai miei. E magari Salah torna prima del previsto dalla Coppa d'Africa».