La Sampdoria ferma la Juventus

Gran colpo degli uomini di Mihajlovic: allo Juventus stadium finisce 1-1. Reti di Evra e Gabbiadini

Okaka (Sapm) tira e perde la scarpa

I blucerchiati di Mihajlovic fermano la capolista. Si tratta del terzo pareggio consecutivo per i bianconeri, che vedono così interrotta la propria striscia di vittorie consecutive in casa, che si ferma a 25. La Juve rallenta nella corsa allo scudetto e, per la seconda settimana consecutiva, offrendo alla Roma l'opportunità di accorciare il distacco in classifica. Gara dai due volti quella dei bianconeri: a un primo tempo giocato su buoni ritmi e con ottime geometrie fa da contraltare una ripresa disputate dai campioni d'Italia con poche idee e molto disordine tattico in campo, forse anche figlio delle "scorie" di Champions League. Dalla parte opposta la Sampdoria conferma il suo ottimo stato di salute: i blucerchiati resistono nel primo tempo per poi colpire nella ripresa con Gabbiadini, destinato al Napoli a gennaio ma capace di regalare ancora una grande gioia al popolo blucerchiato.

"Il gol alla Juve? Io indosso la maglia della Sampdoria, gioco per la mia squadra e per me stesso, non guardo alle altre cose", ha detto l’attaccante della Samp Manolo Gabbiadini (il cui cartellino è per metà in mano al club bianconero), commentando a Sky Sport la rete del pareggio allo Juventus Stadium. "Loro sono veramente forti, in trasferta ma soprattutto in casa dove hanno una marcia in più - ha proseguito il giocatore parlando della partita -. Nel primo tempo abbiamo sofferto, ma siamo rimasti lì e poi siamo riusciti a pareggiare".

Deluso Massimiliamo Allegri, tecnico della Juventus. "Peccato perché abbiamo buttato la vittoria dopo un primo tempo quando abbiamo giocato veramente bene". Il tecnico bianconero ha aggiunto di non aver gradito l'arbitraggio nel finale perchè "si è giocato poco come tempo effettivo e speravo nel finale di un recupero più lungo. Ma lo accettiamo". "Dispiace non aver vinto - ha detto ancora - abbiamo fatto un buon primo tempo con grandi occasioni mentre nel secondo abbiamo trovato più difficoltà. Buffon ha fatto una grande parata, abbiamo avuto delle situazioni favorevoli ma no non siamo riusciti a vincere. Dispiace, abbiamo fatto tutto il possibile".

"Il tonfo si è sentito poco, perché comunque nei primi 30 minuti abbiamo sofferto molto, loro erano superiori a livello tecnico e fisico, mentre noi siamo entrati in campo con grande paura. Abbiamo cambiato modulo e poi abbiamo fatto la nostra partita, mi dispiace perché se giochiamo come sappiamo possiamo farlo alla pari con tutti", commenta Sinisa Mihajlovic a Sky. "Loro venivano da 25 partite vinte in casa, pareggiare qui non è stato certo facile. Siamo stati fortunati ad andare in svantaggio di un solo gol all'intervallo e poi bravi a trovare il pareggio", ha aggiunto il tecnico serbo. "Il risultato non mi interessava quanto la prestazione - ha spiegato ancora Mihajlovic - perché se avessimo giocato da Samp e perso sarei stato contento. Contro il Napoli abbiamo fatto una grande partita ed ero contento, oggi non mi sono piaciuti i primi trenta minuti di gara, nel secondo tempo abbiamo cambiato il nostro atteggiamento. Dal trentesimo in poi i ragazzi sono stati bravi".