Sogno finito, l'Italvolley è fuori

Final six amara per gli azzurri. Il miracolo non riesce: battuta la Polonia al tiebreak ma non basta

Torino - È stata la grande notte del volley, peccato sia tutto finito. Il mondiale dell'Italia termina con la vittoria azzurra contro la Polonia al tie break ma non basta. La partita con i polacchi si poteva anche non giocare, non perché il sestetto del belga Speraw fosse tanto migliore ma perché è impossibile vincere davvero, sapendo di doverlo fare per 3-0 e con parziali larghi, al limite dei 60 punti totali. È stato comunque un gran mondiale, una grande serata, da lucciconi, con l'inno cantato a cappella dal PalaAlpitour, modello Juve stadium o Grande Torino. Sono quelle emozioni, qua si doveva fare la storia, toccherà ad altri, alle 17 Brasile-Serbia, con i serbi non inferiori, e dalle 21,15 l'equilibratissima Polonia-Usa, con dirette su Rai2. L'Italia è ferma a 13 anni fa, all'oro con Montali a Roma. «Con Mastrangelo nudo sul pennone», rimarcava Daniele Mazzone, il miglior azzurro di queste 3 settimane indimenticabili. Era il diapason di uno sport che storicamente viene dietro il calcio e la f1, la motogp e il basket e magari anche altro. Beh, le emozioni sono state da Italia-Brasile di Spagna 1982, solo che è andata a rovescio. E Chicco non lo sa

Chicco è Gianlorenzo Blengini, stratega di 4 podi, non del più importante. «L'attesa - raccontava - era comunque enorme». Il ct è cresciuto qua vicino, è torinista, il sestetto ha nulla del tremendismo granata. Ci vorrebbe la sedia di Emiliano Mondonico, ecco, magari anche l'ex presidente Carlo Magri che si sarebbe piazzato dietro la panchina. Bruno Cattaneo ha inscenato la manifestazione dell'anno per la penisola, da Bari a Roma, da Firenze a Milano e Torino, con 9 milioni, contro i 5 della Bulgaria. La final 6 è consolante ma insufficiente.

Lo scambio più lungo vale l'8-10, l'Italia è già fuori ritmo, con quel percorso obbligato, serve un crollo impossibile dell'ex nazionale di Fefè De Giorgi, in prima fila in tribuna stampa. Festeggia la panchina biancorossa, non crediamo che la Serbia abbia regalato il 3-0 dell'altra sera, certo i polacchi azzannano l'Italia, per evitare il Brasile e ribatterlo, come 4 anni fa, ma in casa.

Là la pallavolo è religione, da noi lo sarà ancora un po' grazie al mondiale femminile, al via in Giappone all'alba. E poi la supercoppa con le solite 4: «Speriamo di essere noi a interrompere il monopolio», auspica Nikola Grbic, allenatore di Verona e Serbia. Ecco, occhio ai serbi. Domani notte, magari, sarà la loro notte. Non poteva essere la notte italiana. «Notti magiche, inseguendo un gol». Qua si insegue un muro, la schiacciata, la parallela, la ricezione, si insegue la Polonia, impossibile da pigliare. Ah, perso 14-25 l'unico set che contava, l'Italia si tranquillizza, i polacchi cambiano completamente il sestetto, per riposare, solo per questo vinciamo la partita.