"Spagna a casa, Germania in corsa" Vettel mata Alonso e lo sfotte sui Mondiali

Protagonisti del Gp di Silverstone, sebbene occupasero solo la 5 e 6 posizione, Alonso e Vettel. Un confronto tra frenate, accuse e sportellate, che non risparmia il Mondiale

Tra Vettel e Allonso in Gran Bretagna in scena un duello d'altri tempi

Il GP di Gran Bretagna è stato non soltanto il teatro della riapertura del campionato del Mondo, grazie alla vittoria di Hamilton che riduce così il distacco in classifica generale dal compagno Rosberg (costretto al ritiro al giro 30 per la rottura del cambio), ma soprattutto ha dato vita ad un avvincente duello tra 2 straordinari piloti, Fernando Alonso e Sebastian Vettel.

Lo Spagnolo ed il Tedesco hanno dato spettacolo per più di 15 giri tra attacchi, frenate, utilizzi al limite della pista e reclami via radio. Tutto ciò non per giocarsi un posto sul podio ma soltanto la quinta e la sesta piazza. Ma non fa nulla: nella Formula 1, si sa, ogni duello ha il suo valore e se poi a duellare sono due grandi Campioni del Mondo, tutto il resto passa in secondo piano.

A fine gara il pilota Ferrari ha spiegato le difficoltà per mantenere alle spalle una Red Bull aggressiva e oggettivamente più veloce, con i problemi all'ala posteriore che non gli hanno permesso di completare l'opera di difesa della quinta posizione finale. Vettel, invece, stemperando la polemica e sottolineando come non ci sia alcuna pace da firmare non essendoci stata alcuna guerra, la butta sul calcio e sui Mondiali, ricordando al Ferrarista che la Spagna è andata a casa già dopo i gironi e che ora il suo pensiero va ai connazionali impegnati nelle semifinali contro i padroni di casa del Brasile.

Infine la grande paura per il botto tra Raikkonen e Massa si è fortunamente conclusa con tutti i piloti senza conseguenze fisiche. Il Brasiliano, già protagonista di paurosi incedenti in carriera (primo fra tutti quello nel weekend di Imola in cui perse la vita Ayrton Senna), ha sdrammatizzando parlando dei sentimenti di amicizia che legano i piloti tra loro. Dopo il podio nel GP austriaco si conferma a grandi livelli il compagno di scuderia di Massa, il finlandese Bottas, che ha chiuso al secondo posto partendo dalla settima fila.

Tra 10 giorni in Germania la decima tappa della stagione che ci dirà chi tra Rosberg ed Hamilton sarà più in forma.

Commenti

Minopoli

Lun, 07/07/2014 - 16:20

Senna perse la vita nel 1994, esattamente 20 anni fa. Massa ha esordito in Formula 1 nel 2002. Confondete Felipe con Rubens Barrichello...