Catalogna, perquisizioni della polizia nella sede di Mediapro

La polizia spagnola ha fatto irruzione nella sede di Mediapro per verificare se dai server del gruppo iberico siano partite informazioni utili per fornire la base elettorale utilizzata dagli indipendentisti in occasione del Referendum per la secessione della Catalogna

Mediapro è passato da essere il possibile detentore dei diritti televisivi della Serie A per il triennio 2018-2021 all'escluso per eccellenza. Questo, però, è il minimo visto che non è un buon momento per il gruppo spagnolo dato che secondo quanto riporta il sito "El Espanol", la polizia iberica sta effettuando alcuni controlli ed accertamenti per verificare se dai server di Mediapro siano partite informazioni utili per fornire la base elettorale utilizzata dagli indipendentisti in occasione del Referendum per la secessione della Catalogna.

Secondo quanto riporta il sito spagnolo gli agenti di polizia sono entrati nella sede di Mediapro affiancati da personale specializzato dell'Unità di criminalità informatica. Le forze dell'ordine hanno fatto irruzione su ordine della magistratura spagnola che indaga ormai da tempo sul referendum per l'indipendenza della Catalogna. La polizia infatti sta cercando informazioni utili su come si riuscì a ottenere quella base elettorale degli aventi diritto al voto, un elemento che risultò decisivo per lo svolgimento del referendum stesso. Domani si scoprirà qualcosa di più sull'assegnazione dei diritti televisivi con il gruppo spagnolo che è stato di fatto tagliato fuori dalle trattative e che rischia ora di essere coinvolto in qualcosa di ancora più grande e importante.