Squinzi: "Allegri mi dice ancora grazie per averlo fatto esonerare dal Milan"

Squinzi ha svelato un retroscena: "Quella sconfitta gli ha cambiato la carriera, perché pochi mesi dopo Allegri è finito alla Juve e il resto è storia"

Il Sassuolo di Giorgio Squinzi è ormai una bella realtà del calcio italiano. Il club neroverde ha cambiato guida tecnica visto che Bucchi ha preso il posto di Eusebio Di Francesco passato alla Roma. Il numero uno della società, però, è convinto che i suoi ragazzi faranno grandi cose, un po' come avvenuto negli ultimi anni. Ecco le sue parole ai microfoni della Gazzetta dello Sport: "Quello scorso è stato un anno sfigato, ma io non mi fermo all'Europa League. Prima o poi voglio andare in Champions. Per uno che ha vinto 654 corse nel ciclismo non esiste partecipare, io voglio vincere".

Squinzi ha poi parlato del mercato e ha svelato un retroscena su Massimiliano Allegri, esonerato dal Milan nel gennaio del 2014 dopo una sconfitta subita dal Milan proprio contro il Sassuolo: "L'unica cessione che mi ha fatto felice è quella di Pellegrini alla Roma. E non tanto perché abbiamo fatto una bella plusvalenza, ma perché questo giocatore diventerà uno dei centrocampisti più forti in circolazione ed è giusto che sia tornato in giallorosso. Allegri? L'ho incontrato a New York poco tempo fa e mi ha ringraziato. Sapete per cosa? Per aver contribuito al suo esonero al Milan con il k.o. 4-3 contro di noi. Quella sconfitta gli ha cambiato la carriera, perché pochi mesi dopo Max è finito alla Juve e il resto è storia".