Tennis, Kyrgios perde la testa: lancia una sedia in campo e viene squalificato

Il tennista australiano Nick Kyrgios ha perso la testa all'Atp di Roma durante il match contro Ruud. Dopo aver litigato con giudice di sedia e pubblico ha scagliato una sedia in campo prendendosi la squalifica

Nick Kyrgios è considerato ormai da anni un tennista talentuoso ma che per colpa del suo carattere fumantino non è mai riuscito a ottenere risultati significativi in carriera. Il 24enne ha vinto cinque titoli dell'Atp ma non è mai riuscito a vincere un torneo veramente importante. Kyrgios, recentemente aveva fatto infuriare il fuoriclasse Roger Federer per un atteggiamento poco consono in campo e anche questa volta agli Internazionali di Roma ha confermato di avere una testa calda. L'australiano, infatti, ha perso la testa durante il match contro il norvegese Casper Ruud con il punteggio in bilico e sotto 6-3 6-7(5) 2-1.

Kyrgios ha avuto un'accesa discussione con il giudice di sedia, ha litigato anche con il pubblico, ha preso a calci una bottiglietta d'acqua ed ha poi deciso, dulcis in fundo, di scagliare una sedia in mezzo al campo. Questo assurdo comportamento gli è costato naturalmente la squalifica con il suo avversario che ha staccato il pass a tavolino per gli ottavi di finale dove affronterà Juan Martin Del Potro. Gimmi Ghione, inviato di Striscia La Notizia ha commentato così il suo gesto: "Così non va bene, non è una questione di tennista istrionico, qui siamo andati oltre. Io mi ricordo le gesta di McEnroe ma questo è troppo, non ci siamo proprio. Un campione deve dare l’esempio ai più giovani, perché un domani in un circolo uno si sente legittimato a prendere la sedia e a lanciarla in campo…”