Kevin-Prince Boateng mantiene la promessa: rimborso al fanta allenatore deluso per il suo addio

Il centrocampista ex Sassuolo ha inviato un bonifico al tifoso deluso per la sua cessione, che ora promette di raggiungerlo a Barcellona per ringraziarlo

Non è uno scherzo anzi è tutto vero, Kevin-Prince Boateng ha rimborsato il fanta-allenatore, che gli aveva chiesto un risarcimento per il suo passaggio improvviso al Barcellona.

Una storia incredibile ma realmente possibile ai tempi dei social, quella tra Renato Nepa, 36enne di San Benedetto del Tronto e Kevin Prince Boateng. La cessione del ghanese al Barcellona aveva fatto disperare il fanta-allenatore marchigiano, che gli aveva scritto su Instagram: ''Dopo tutti i soldi che ho speso per prenderti al Fantacalcio, dovresti rimborsarmi...Che faccio, ti mando il mio Iban''. ''Mandamelo'' era stata la risposta del calciatore. Ma la bella sorpresa arriva con un altro messaggio di Boateng: ''Pagato, il bonifico è stato fatto, un abbraccio grande''. ''No, non ci credo... non è possibile! Ora svengo'', la risposta incredula del tifoso.

La notizia incredibile ha fatto subito il giro del web e Renato Nepa, intervistato dalla Gazzetta dello Sport ha rivelato di aver ricevuto ''alcune centinaia di euro'' confessando la sua grande ammirazione per Boateng: ''Sono milanista marcio, il suo Moon Walk per lo scudetto lo porto dentro'' tanto da essere un suo obbiettivo irrinunciabile al fantacalcio: ''Lo volevo più di tutti, per questo ho scambiato Pjanic e Callejon per Caprari e lui qualche giorno prima che andasse al Barça. Che tempismo, immaginatevi gli sfottò degli amici...".

Nepa ha poi spiegato cosa intende fare con la cifra del bonifico: "Non li considero soldi miei. Li darò a un'associazione di disabili di San Benedetto che si chiama Biancazzurro'' e soprattutto intende ringraziare a tutti i costi da vicino il suo idolo: ''Che persona straordinaria, non era assolutamente un atto dovuto voglio andare a Barcellona. Devo incontrare il benefattore e regalargli una maglia della Sambenedettese''.