Totti al Gran Galà del calcio: "Il Var? Non ne parlo più se no mi radiano"

L'ex capitano e oggi dirigente della Roma Francesco Totti, al Gran Galà del calcio, ha preferito non parlare più del Var dopo che ieri sera si era scagliato contro Rocchi e il mancato utilizzo della tecnologia durante il match contro l'Inter

Francesco Totti non ha per niente mandato giù l'arbitraggio di Gianluca Rocchi in Roma-Inter. L'ex capitano giallorosso, infatti, al termine del match pareggiato per 2-2 contro i nerazzurri ha inveito contro il direttore di gara e il Var per non aver valutato da rigore il netto intervento di D'Ambrosio su Zaniolo. Il dirigente della Roma è stato davvero molto duro usando parole molto forti per commentare un palese, a suo dire, torto arbitrale ricevuto. Marcello Nicchi ha parlato di errore grave, mentre Nicola Rizzoli dal Gran Galà del calcio ha parlato di errore umano: "C'è poco da parlare di episodi. Ci sono situazione in cui si può sbagliare. Eviterei di parlare di protocollo, capita di sbagliare. Questo è un errore umano, non di protocollo. Bisogna riconoscere gli errori e si lavora per migliorare sempre. Abbiamo fatto passi in avanti, comunque".

Evidentemente a Totti non è ancora passata l'arrabbiatura per la direzione arbitrale del fischietto di Firenze e a distanza di quasi 24 ore sempre durante il Gran Galà del calcio, organizzato dall'Aic, il Pupone si è soffermato con i giornalisti presenti che l'hanno incalzato chiedendogli ancora di commentare gli episodi di Roma-Inter con il mancato utilizzo del Var: "Il Var? Oggi non parlo, sennò mi radiano". Il 42enne ex fuoriclasse dei giallorossi ha comunque sorriso prima di andarsene, segno che nonostante la grande arrabbiatura per il torto subito abbia forse capito come sia inutile continuare a protestare alimentando altre polemiche che di certo non possono cambiare il corso degli eventi.

Commenti
Ritratto di pao58

pao58

Mar, 04/12/2018 - 00:52

Forse è meglio che non parli proprio del tutto, se questo torsolo di verza è destinato a diventare l'uomo immagine della Roma tanto vale che assumano anche Oronzo Canà come allenatore e Bombolo come presidente...