"Con la vittoria del Sì in Catalogna, il Barça può giocare pure in Serie A"

Il voto per l'indipendenza della Catalogna del prossimo 1 ottobre potrebbe avere conseguenze pure per il Barcellona

Il colpo di scena potrebbe essere dietro l'angolo. Il voto per l'indipendenza della Catalogna del prossimo 1 ottobre potrebbe avere, in caso di vittoria del sì, delle conseguenze imprevedibili anche sul fronte calcistico. Il Barça di fatto si troverebbe a giocare in Catalogna ma non più come squadra spagnola. E così in un'intervista alla Gazzetta dello Sport arriva una forte provocazione da parte del Ministro dello Sport della Regione catalana, Gerard Figueras che addirittura profetizza un futuro dei colori blaugrana in Serie A: "Se dovesse vincere il “Sì” la prima immagine d’indipendenza vera che il mondo, ma anche la Catalogna, avrà sarà quella della nazionale catalana in una partita di calcio ufficiale. L’aspetto più importante è la grande incognita di questi giorni, ovvero cosa succederà con le squadre professionistiche, dove giocheranno le squadre catalane e in particolare il Barça, visto che tutto il mondo è ossessionato dal tema. Non c’è una risposta dicotomica: chi dice che il futuro sarà bianco o nero sbaglia perché si aprirà un nuovo scenario e bisognerà negoziare. In caso d’indipendenza le squadre catalane di Liga, Barça, Espanyol e Girona, prima di tutto dovranno decidere dove vogliono giocare: nella Liga spagnola o in quella di un Paese vicino: Italia, Francia, la Premier. Una volta che i club avranno fatto questa riflessione si dovrà iniziare una trattativa con la Federazione che organizza il torneo prescelto“. E su un accordo per proseguire l'avventura sportiva nella Liga pesano le parole del presidente della Lega spagnola, Javier Tebas che ha chiuso le porte a Espanyol, Barça e Girona: "Non giocheranno più nella Liga". Eppure la Liga nel Barcellona ha una pedina fondamentale per gli incassi con i diritti tv. Se il Barcellona rimanesse nella Liga spagnola ci guadagnerebbe la Liga e anche il Barça. Comunque l'ipotesi che la squadra catalana possa ancora partecipare al campionato spagnolo non è remota. In Spagna c'è già la presenza del calcio di Andorra. Inoltre, ad esempio in Francia, c'è la presenza del Monaco, squadra del Principato ma che da anni è nella competizione della Ligue 1 francese. Insomma il Barcellona potrebbe restare nella Liga. Ma di fatto le conseguenze politiche dopo il voto sono imprevedibili e anche le "rappresaglie" sportive.