la stanza di Mario CerviOccupazione di case: a Milano situazioni da Terzo Mondo

Egregio dott. Cervi, non so se Lei sia la persona giusta alla quale rivolgere la mia domanda. Sono una povera pensionata e vivo in una casa dell'Aler, zona Giambellino, a Milano. Alcuni appartamenti vuoti sono stati recentemente occupati da famiglie rom che hanno sfondato le porte e preso possesso delle abitazioni, fra l'altro contribuendo a modo loro al degrado già esistente in zona. Le forze dell'ordine chiamate per intervenire hanno risposto di non poter procedere allo sgombero perché la politica del sindaco legava loro le mani. È vero o non è vero?
e-mail

Cara amica, non sono la persona giusta cui rivolgere la sua domanda nel senso che non ho la possibilità di prendere decisioni e di aiutarla materialmente. La persona giusta è - o almeno dovrebbe essere - il sindaco Pisapia. A lui spetta il compito e la responsabilità d'evitare le sopraffazioni e i misfatti che lei segnala. Nel mio piccolo io posso soltanto rendere pubblica la situazione indecente e intollerabile da lei denunciata. Con la speranza che il sindaco o qualcuno in suo nome si degni di dare una spiegazione accettabile per ciò che accade non in una remota e selvaggia area del Terzo Mondo, ma a Milano. Sarò lieto di comunicare al sindaco, se ne verrò richiesto, le sue generalità.