Storie d’autore per trovare Diabolik ragazzo

Allo Spazio Crapapelada un libro e una mostra di tavole originali create da Sergio Toppi e da Ivo Milazzo sul popolare personaggio dei fumetti

Elena Giliberti

Altre 32 tavole dell’intramontabile «Re del Terrore». Un nuovo Diabolik, con due storie di due autori d’eccezione, è in mostra fino al 30 settembre allo spazio Crapapelada, la piccola libreria di Eduardo Simone in via Savona 12. Sedici disegni di questo mostro sacro del fumetto italiano raccontano la storia scritta e illustrata da Sergio Toppi, pluripremiato maestro delle nuvolette. E altrettanti narrano l’ultima produzione di Tito Faraci disegnata da Ivo Milazzo, la matita di Ken Parker. Un’esposizione gratuita sulle pareti del Crapapelada, aperta al pubblico dal martedì al sabato dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 20.
Dopo quarant’anni di vita il fumetto del brivido è sempre più capace di stupire. Nato nel lontano ’61 dalla geniale immaginazione di Angela e Luciana Giussani, due giovani signore della borghesia milanese, il ladro dagli occhi di ghiaccio ipnotizza ancora giovani e adulti, sfornando nuove storie prodotte dalle mani dei più famosi autori di nuvolette parlanti.
Da un’idea di Mario Gomboli, direttore generale della casa editrice Astorina, è venuto fuori così «Il sacrificio», steso interamente da Sergio Toppi. Qui, Diabolik si aggira in luoghi avvolti dal mistero come possono esserlo le antiche piramidi inca, atrio di leggende, maschere, gioielli e, in questo caso, anche di un dio Giaguaro.
Si torna indietro nel tempo invece, fino all’adolescenza dell’uomo in calzamaglia, nelle tavole di «Vinca il migliore», l’opera di Tito Faraci e Ivo Milazzo in cui il ragazzo, in tenera età, lasciava già presagire le sue future doti di «Re del Terrore». Pochi tratti nelle immagini del disegnatore, capaci di trasmettere però svariate espressioni oltre all’inconfondibile sguardo del protagonista del fumetto.
Le due novità, fresche di inaugurazione alla mostra dello spazio Crapapelada, saranno esposte insieme alle tavole di altre dodici storie disegnate da altri grandi autori del fumetto italiano, che per la prima volta si cimentavano nelle avventure del ladro in tuta e jaguar nera. Con tanto di Eva Kant e ispettore Ginko.
Il tutto è anche pubblicato in un volume: «Diabolik visto da lontano», edito da Astorina, 164 pagine al prezzo di 33 euro, acquistabile in loco. Claudio Villa, Lorenzo Mattotti, Giorgio Cavazzano, Sergio Zaniboni, Enzo Facciolo e Vittorio Giardino tra i neoautori dell’antieroe, protagonista delle vignette del volume che si cela sotto la copertina di Ferec Pinter (noto per le sue cover che hanno fatto la storia dei gialli Mondadori).