Strage di  Falzano, ufficiale nazista all'ergastolo

Josef Scheungraber, 91 anni, ex
ufficiale degli alpini tedeschi, è stato condannato
all’ergastolo dal tribunale di Monaco di Baviera per il massacro
di civili a Falzano di Cortona (Arezzo) il 26 giugno del 1944. All’epoca aveva 25 anni

Berlino - E' stato condannato all’ergastolo Josef Scheungraber, 91 anni, ex ufficiale nazista responsabile nel 1944 della strage di Falzano di Cortona, cittadina nei pressi di Arezzo, in Toscana. La sentenza è stata emessa oggi da un tribunale di Monaco di Baviera. Nel giugno del 1944 a Falzano di Cortona furono uccisi 14 civili per rappresaglia per l’uccisione di due soldati tedeschi. Scheungraber aveva all’epoca 25 anni.

La condanna all'ergastolo La procura di Monaco di Baviera, che ha confermato oggi la condanna, aveva chiesto lo scorso 18 giugno l’ergastolo per Scheungraber, ex tenente della Wermacht. Scheungraber era già stato riconosciuto colpevole della strage e condannato all’ergastolo nel 2006 dal Tribunale militare di La Spezia e il tribunale tedesco ha avviato il processo il 15 settembre del 2008, proprio sulla base dei documenti del processo italiano. L’anziano, oggi sordo e zoppicante, vive nella sua città natale di Ottobrunn, in Baviera, dove dopo la guerra è stato anche consigliere comunale.

Il "Boia di Sobibor" Il caso di Scheungraber si affianca a quello di un altro anziano presunto ex nazista, John Demjanjuk, 89 anni, ribattezzato il "Boia di Sobibor" e sospettato di avere contribuito allo sterminio di circa 29mila ebrei nel campo di concentramento dell’allora Polonia occupata. Anche Demjanjuk, estradato in Germania dagli Usa lo scorso 12 maggio, verrà giudicato dal tribunale di Monaco di Baviera, che per il momento lo ha accusato formalmente di concorso nello sterminio di Sobibor.