Suoni nitidi e chiari con la tecnologia dei moderni apparecchi acustici

Sono circa 900 milioni, nel mondo, le persone che hanno problemi uditivi. L'applicazione di un apparecchio acustico mobile rappresenta la soluzione più adeguata al disturbo, nella stragrande maggioranza dei casi.
Oggi la ricerca offre un'ampia scelta di modelli con caratteristiche tecnologiche elevate. «Siamo ormai lontani dai tempi in cui, per apparecchio acustico, si intendeva un semplice amplificatore di suoni», osserva Walter Livi, professore associato di Audiologia presso l'università di Siena. «Gli odierni apparecchi sono tutti dotati di un'intelligenza artificiale che consente di riprodurre una capacità uditiva simile a quella fisiologica. I suoni provenienti dall'ambiente circostante vengono prontamente selezionati dall'apparecchio acustico e la voce umana viene fatta risaltare rendendola nitida al di sopra dei fastidiosi rumori di fondo che in passato, con strumenti non altrettanto tecnologicamente avanzati, provocavano spesso nel paziente stanchezza, senso di disorientamento, cefalea e fastidio».
Oggi, con un nuovo apparecchio acustico (Audibel LX) si è raggiunto un ulteriore grado di perfezionamento: «Un piccolo limite degli apparecchi acustici anche di ultima generazione era di non riuscire a garantire sempre un adeguato funzionamento in presenza di umidità», spiega il professor Livi. «Grazie alle sue caratteristiche di impermeabilità l'Audibel LX riesce ad ovviare anche a questo inconveniente: in qualsiasi stagione dell'anno (oppure se il paziente suda, per esempio praticando un'attività sportiva), l'innovativo apparecchio riesce a mantenere al massimo livello il proprio funzionamento, ed il suono che arriva all'orecchio è sempre nitido e chiaro». Inoltre, con questa nuova soluzione, si ha la possibilità di impostare il funzionamento sulla base delle specifiche del condotto uditivo del paziente poiché il suo regolamento avviene direttamente all'interno dell'orecchio. I parametri dell'apparecchio acustico sono impostati sui reali bisogni uditivi della persona, ottenendo così un'amplificazione più naturale e capacità di adattamento al contesto uditivo più immediata. La persona con deficit uditivi può quindi contare su un apparecchio che viene incontro alle sue esigenze, garantendogli una qualità di vita eccellente, in qualsiasi situazione. Anche dal punto di vista estetico, del resto, i moderni apparecchi sono ben lontano dai loro antenati, che un tempo mettevano a disagio e imbarazzavano chi li portava: «Vale la pena sottolineare che sono ora paragonabili ad accessori di moda», afferma il professor Livi. «Piccole, leggere, maneggevoli e colorate, hanno perso la connotazione negativa di un tempo».