Tasmania, trovato calamaro gigante

Si è arenato sulla costa occidentale dell'isola. Misura circa dieci metri, compresi i tentacoli, e pesa 250 chili. A trovare l'enorme mollusco è stato un turista

Canberra - Altro che fritto misto quello che si potrebbe fare con il calamaro gigante trovato sulle spiagge austrialiane. L'enorme cefalopode della specie "Architeuthis Dux" pesa 250 chili e si è arenato su una spiaggia della costa occidentale della Tasmania. A trovarlo è stato un turista che camminava lungo la spiaggia. L’esemplare ritrovato ha un corpo lungo due metri cui si aggiungono i tentacoli, spezzati e molto danneggiati, per una lunghezza complessiva di 8-10 metri.

Lungo fino a dieci metri L’Architeuthis può arrivare a misurare più di dieci metri, ha gli occhi più grandi di tutto il regno animale, e vive negli abissi marini, a circa un chilometro di profondità. Questi molluschi di taglia gigante sono onnivori, si cibano dei propri simili e sono a loro volta preda dei capodogli. Nel marzo scorso su una spiaggia della Nuova Zelanda se ne arenò uno colossale da 450 chili. A causa dell’elevata profondità del loro habitat è molto raro vederne uno in vita.

Il primo avvistamento nel 2004 La prime foto di un calamaro gigante vivente sono state scattate nel 2004 da due ricercatori giapponesi al largo delle isole Ogasawara. Si tratta di un animale mitologico, i cui avvistamenti nei secoli passati avevano alimentato le leggende dei marinai sul Kraken, un gigantesco mostro marino che avvolgeva e distruggeva le navi.