Arriva il tecno-rosario che si aziona con il segno della croce

La nuova tecnologia è composta da un bracciale con una croce intelligente e da un app. È pensato per avvicinare i giovani alla preghiera

Anche la Chiesa ha tenuto il passo coi tempi e si è adeguata alle nuove tecnologie. Arriva, infatti, un nuovo modo di pregare. Si tratta del tecno-rosario, che si aziona col segno della croce.

"Il tutto deve avvenire in maniera non frettolosa ma con una gestualità cadenzata, quella propria del pregare", hanno spiegato i creatori della nuova tecnica di preghiera, composta da un bracciale (eRosary) e da un'app (Click to pray) presentata oggi in Vaticano. Per averlo, bisognerà pagare 99 euro.

Il bracciale è formato da dieci grani del rosario, fatti di ematite e agata nera e ha al centro una croce tecnologica, che memorizza tutti i dati connessi all'app. Una volta attivato, facendo il segno della croce, si può scegliere la "modalità" della preghiera: rosario tradizionale, contemplantivo e tematico (il cui contenuto verrà aggiornato ogni anno). Quando l'utente inizia a pregare, il rosario tiene conto dei misteri già passati e di quelli ancora da dire, tenendo traccia della quantità di preghiere fatte in un certo lasso di tempo.

"Si tratta di un rosario intelligente- spiegano- che ha un chiaro obiettivo: pregare per la pace nel mondo". Il dispositivo è stato concepito apposta per "insegnare ai giovani a pregare il rosario, a pregare per la pace e a contemplare il Vangelo. Il progetto riunisce la tradizione spirituale della Chiesa e gli ultimi progressi del mondo tecnologico".