Facebook lancia i dieci principi per una cultura digitale

Dieci punti che il social network suggerisce per fare un salto digitale, adottando un nuovo approccio culturale

Dalla connessione tra persone all'abilitazione della crescita economica attraverso le nuove tecnologie. In occasione del Forum dell'economia digitale, organizzato al Mi.Co. di Milano da Facebook e dai Giovani imprenditori di Confindustria, il country manager di Facebook Italia, Luca Colombo, ha spiegato quale ruolo intende svolgere il social network nel processo di trasformazione digitale che sta interessando il mondo delle imprese e la pubblica amministrazione.

L'occasione è stata anche quella per lanciare un decalogo, un elenco in dieci punti che Facebook suggerisce per fare un salto digitale, adottando un nuovo approccio culturale che possa portare imprese e consumatori a pensare ed agire in modo digitale.

1. Un esperto digitale in ogni Consiglio d’Amministrazione: il digitale al centro delle decisioni strategiche delle imprese

2. Il telefono è uno strumento di lavoro fondamentale per tutti e nessuna impresa immagina di limitarne l’utilizzo. A maggior ragione è opportuno che le imprese non pongano blocchi all’utilizzo di internet, strumento di lavoro oggi ancor più decisivo

3. Tutti devono essere digitali: un computer o un telefono ad ogni dipendente

4. La cultura digitale è un fattore chiave del successo di un’impresa nel medio e lungo periodo che richiede l’investimento di una parte consistente del fatturato in formazione ed istruzione

5. I giovani sono una risorsa preziosa da valorizzare, non un rischio da temere. Attraverso di loro entrano in azienda cultura e pratica digitale.

6. La tecnologia è fondamentale ma non è un obiettivo in se: è un facilitatore del business che rende più semplice la vita delle persone, dei dipendenti, dei clienti. Al centro resta la persona.

7. Le spese in tecnologia e digitale non vanno considerate come un costo, ma come un investimento che consentirà all’azienda di strutturarsi meglio e crescere il proprio business.

8. Anche se la tecnologia crea timore o non suscita interesse in azienda, nel medio-lungo termine la mancanza di tecnologia rappresenterà un limite difficilmente sormontabile. La digitalizzazione non deve ne può essere rimandata.

9. L’impresa ha bisogno che la cultura digitale permei tutto l’ambiente in cui opera. Sostenere la crescita della conoscenza digitale del Paese attraverso università e scuole significa aiutare la crescita del business a medio e lungo termine

10. L’intero eco sistema dell’impresa partecipa al suo successo: è necessario operare in modo che fornitori e clienti condividano la stessa visione, conoscenza e attenzione al digitale.