Grave falla nel sistema Bluetooth: ecco cosa si può spiare

Una ricerca internazionale ha scoperto una crepa nel sistema di sicurezza della tecnologia, che mette a rischio i dati sensibili. Nel team di scienziati anche un italiano

Ahi ahi Bluetooth. Una ricerca internazionale ha infatti scoperto una grave falla nei sistemi di sicurezza della tecnologia per trasmettere dati: si possono spiare – e modificare – le conversazioni e i contenuti dei due apparecchi collegati tra loro.

Nel team di scienziati che ha fatto la scoperta anche un italiano: sarebbe stato proprio Daniele Antonioli (Singapore University) a scovare la crepa. La tecnologia è presente in miliardi di dispositivi, come smartphone, tablet, automobili, auricolari, tastiere e mouse.

La falla, come spiega l'Agi, sta nelle specifiche che regolano le connessioni cifrate tra dispositivi. Facciamo un esempio: quando si connette un cellulare alle cuffie Bluetooth, i due dispositivi negoziano una nuova chiave per cifrare le comunicazioni e un "attaccante" può sfruttare il cosiddetto l'attacco "Knob" per decifrare le informazioni scambiate dai due dispositivi e accedere a tutti i dati, quelli sensibili compresi.

I ricercatori hanno dimostrato che l'attacco può essere condotto dal punto di vista pratico e non solo teorico, riuscendo a decifrare il contenuto di un file trasmesso in maniera cifrata via Bluetooth tra due smartphone.

Inoltre, fanno sapere gli studiosi, l'attacco in questione è potenzialmente efficace su qualsiasi dispositivo certificato Bluetooth.

Commenti

Zizzigo

Mar, 27/08/2019 - 16:45

Qualunque trasmissione di dati, in qualunque modo venga effettuata, se può essere captata da un "ricevitore" può essere anche decifrata... è solo questione di cervelli e di tempo. Non c'era bisogno dell'illuminazione degli "scienziati"...

Marcolux

Mar, 27/08/2019 - 17:29

Daniele Antolioli? Già, noi quelli bravi li mandiamo vie e importiamo solo bestie!

cgf

Mar, 27/08/2019 - 18:34

Quando notizie come queste vengono divulgate, significa che è già stata messa la patch che sistema il baco. Aggiornate i vs dispositivi se potete, soprattutto NON usate le cuffie Bluetooth per i vostri dispositivi mobile, almeno non per più di qualche minuto alla volta e lasciare tempo tra una volta e l'altra.

hallogram

Mer, 28/08/2019 - 09:22

Una non notizia. Quando si trasmettono dati da un dispositivo all’altro gli stessi possono essere intercettati. Poi decifrarli dipende da come sono protetti. Più sono protetti bene e meno possibilità ci sono di decifrarli. Poi il mondo va avanti perché c’è chi studia protezioni più sicure dopo che le precedenti sono messe a rischio da attacchi hacker. Forse l’articolo si riferiva a questo. Scoperta la falla messa a punto la patch per la protezione.