Microsoft accelera sul mobile: si prende la telefonia di Nokia

Nokia garantisce una licenza di dieci anni sui brevetti, Microsoft mette subito a disposizione un finanziamento da 1,5 miliardi di euro in tre tranche da 500 milioni

Una donna fa una foto col Lumia 1020

Microsoft spinge sull’acceleratore della telefonia mobile. È stato ufficializzato proprio oggi l'acquisto dei cellulari Nokia e dei brevetti della società finlandese per 5,44 miliardi di euro. Un’operazione tutta in contanti che è destinata a cambiare l’industria delle telecomunicazioni sui due continenti.

Redmond pagherà 3,79 miliardi di euro per "sostanzialmente tutta" la divisione di telefoni Nokia e 1,65 miliardi di euro per la licenza dei suoi brevetti. Per Steve Ballmer, l’amministratore delegato di Microsoft in uscita, si tratta di una scommessa importante sulle possibilità che Nokia ha per sfidare Apple e Samsung. Ed è proprio dallo staff della Nokia che potrebbe arrivare il successore di Ballmer: al termine dell’operazione alcuni manager della società finlandese passeranno, infatti, alla Microsoft. Fra questi l’amministratore delegato Stephen Elop, che con l’annuncio dell’accordo ha lasciato l’incarico da numero uno. Al termine dell’operazione, 32mila dipendenti della Nokia passeranno alla Microsoft, che vedrà trasferirsi attività che nel 2012 hanno generato 14,9 miliardi di euro.

Microsoft e Nokia sono legate ormai da diversi anni, da quando Elop da Redmond è volato in Finlandia per firmare la partnership tra le due società. "Unire le due squadre accelererà la quota e i profitti di Microsoft nella telefonia e rafforzerà le opportunità per Microsoft e i nostri partner", ha spiegato Ballmer auspicando una transizione dolce proprio perché i rapporti sono ormai di lunga data. "Dopo una valutazione scrupolosa su come massimizzare il valore per gli azionisti, riteniamo che questa transazione sia la strada migliore per Nokia e i nostri azionisti", ha confermato l'amministratore delegato ad interim della Nokia, Risto Siilasmaa.

Con l’accordo siglato oggi, Microsoft ha acquistato i marchi Lumia e Asha e ha la licenza su quello di Nokia. "Nokia continuerà ad avere e gestire il marchio Nokia e manterrà il proprio portafoglio brevetti", ha continuato Siilasmaa garantendo alla Microsoft una licenza di dieci anni sui brevetti. Dal canto suo Microsoft metterà subito a disposizione un finanziamento da 1,5 miliardi di euro che sarà emesso in tre tranche da 500 milioni di euro in obbligazioni convertibili.

Commenti

paolomed0101

Mar, 03/09/2013 - 12:18

Microsoft compra Nokia per 4,5 miliarid, Verizone compra parte delle attività di Vodafone per 130 miliardi. Società private fanno operazioni da miliardi di euro (o dollari) e uno stato, l'Italia, settima o ottava potenza mondiale, non trova 2,5 miliardi per coprire la cancellazione di una tassa? Non siamo messi male, siamo messi peggio!

Gianca59

Mar, 03/09/2013 - 12:57

@paolomed0101: vero, ma intanto, almeno qui in Italia, con tutti i soldi che girano, si sbarazzano di personale per aumentare i conti in banca e si rivolgono allo stato Italiano affinchè li aiuti in questa operazione.

Ritratto di foresto

foresto

Mar, 03/09/2013 - 14:09

E adesso che fine fara' la piccola (come popolazione) Finlandia che fino all'altro ieri dava lezioni di economia a tutta l'Europa ma in pratica si reggeva massimamente sulla Nokia? Per tutti i popoli si succedono i classici 7 anni di vacche grasse e 7 anni di vacche magre. Auguri.

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Mar, 03/09/2013 - 14:48

Fatto bene... I cialtroni che nulla hanno dato alla cultura europea e che volevano pignorare il Partenone ai greci, sono stati comprati da Windows.

paolomed0101

Mar, 03/09/2013 - 15:46

Il fatto che Microsoft abbia comprato Nokia non vuol dire automaticamente che la produzione verrà spostata da qualche altra parte.

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 03/09/2013 - 18:17

Speriamo che comincino a licenziare e delocalizzare. Cosi' tocca un po anche loro, mangiare la merda della globalizzazione.

Ritratto di utentegiornale12

utentegiornale12

Mar, 03/09/2013 - 23:07

E' piu' di un anno che non c'e' un singlo operaio in filandia: hanno portato tutto in vietnam. Pure la sede hanno venduto e poi affittato, e hanno licenziato TUTTI gli sviluppatori e i software da anni da quando montano windows. Piu' che altro microsoft che ci buttava dentro a fondo perduto un miliardo all'anno per fargli fare i telefoni che nessuno compra ci avrebbe fatto una pessima figura se a questo giro nokia avesse cacciato il CEO Elop, uomo di MS, e si fosse messa a produrre telefoni con android.

Gianca59

Mer, 04/09/2013 - 01:01

@stenos: se c'è una cosa che non si può delocalizzare e' il sapere, la capacità di innovare, il know-how, la professionalità specifica. Quindi Microsoft se ne sta bella tranquilla a Seattle e gli ingegneri Nokia laddove sono. Solo noi Italiani siamo convinti che la Fiat e le sue fabbriche sino la nostra salvezza: Detroit e' una città morta rispetto a Seattle e ai siti in cui si innova e si fa tecnologia avanzata....

entropy

Mer, 04/09/2013 - 07:38

"A chi vuoi telefonare, a chi vuoi telefonare adesso ?" ROTFL un telefonino Micro$oft ... ci vuole un pazzo. "Come mai scalda tanto il tuo cellulare ? " "E' l'Antivirus quando si aggiorna ... vuoi mettere ... 10 Terabytes di signs. E guarda ... bippa per ricordarmi di toglierlo di tasca, sia chiaro eh ". Addio Nokia; è stato bello con Symbian quando un telefono doveva solo telefonare.

killkoms

Mer, 04/09/2013 - 08:37

@paolomed101,no,ma sarà una conseguenza inevitabile a lunga scadenza!e per la cronaca,c'è stato un periodo,durante la crisi dei derivati,prima che gli speculatori spostassero la stessa sulla Ue, che microsoft aveva più liquidità disponibile dello stato americano!