TikTok, falla nella sicurezza: dati sensibili in pericolo

Il buco nei sistemi di sicurezza è stato scoperto dai tecnici informatici del social network stesso. Il consiglio: "Aggiornate l'app"

Come ogni buon social network che si rispetti, dopo Facebook, Instagram, Twitter e mettiamoci dentro anche l'app di messaggistica istantanea di WhatsApp, anche TikTok ha avuto la sua falla nei sistemi di sicurezza. Un inconveniente che ha messo in pericolo moltissimi dati sensibili e che è stato poi corretto dai ricercatori che lavorano per l'applicazione stessa.

Gli informatici ora consigliano spassionatamente di aggiornare l'app onde evitare spiacevoli (e ulteriori) inconvenienti e per mettersi al riparo.

TikTok, ricordiamolo, è un social network nato in Cina a metà 2016: nel Paese del Dragone è anche noto con il nome di "Douyin" e "Musical.ly" e permette agli utenti di realizzare video della durata di massimo sessanta secondi a partire da una base musicale.

Il buco nella sicurezza avrebbe messo a rischio i dati personal e la privacy dei video. A scoprirla sono stati gli stessi operatori del "Check Point Research". Una volta che la vulnerabilità è stata segnalata a chi di dovere, come riportato da La Repubblica, i tecnici si sono messi a lavoro per risolverla e tutto è andato nel verso giusto. Ma solo con l'aggiornamento dell'app stessa da parte degli utenti ogni rischio viene azzerato.

"Check Point Research" ha comunicato al comparto specializzato di TikTok a fine novembre circa questa vulnerabilità e ByteDance, la società proprietaria di TikTok, ha agito tempestivamente.

Il rischio era grosso ed era il seguente: qualsiasi hacker avrebbe potenzialmente potuto caricare filmati senza autorizzazione e, allo stesso modo, cancellarne di altri. In aggiunta, qualche pirata della rete avrebbe pure potuto cambiare le impostazioni circa la privacy dei video di un utente, venire a conoscenza dei dati personali sensibili (come nome, cognome, indirizzo di residenza, indirizzo di posta elettronica e anche la data di nascita).

Un cybercriminale, per esempio, avrebbe potuto intromettersi nell'account di uno sventurato utente servendosi di un bug, oppure di un codice dannoso, o ancora riuscendo a reindirizzare la vittima prescelta verso un sito internet dannoso sotto le mentite spoglie di tiktok.com.

Stando alle stime di SensorTower, società di analisi informatica, sono oltre un miliardo le persone di tutto il mondo ad aver scaricato sul proprio smartphone l'applicazione di TikTok: si tratta della terz app più scaricata al mondo, dopo WhatsApp e Messanger. Grazie al mercato cinese – la popolazione in Cina è di circa un miliardo e cinquecento milioni di esseri umani – TikTok ha messo la testa avanti persino a Facebook e Instagram.