WhatsApp attaccata dagli hacker ​con una sola chiamata

La falla nella più popolare app di messaggistica consente di accedere ai dati negli smartphone: cosa fare per evitarlo

Una falla nel sistema, che permetteva agli hacker di installare spyware, per accedere a dati e contenuti, su alcuni telefoni. WhatsApp, l'app di messaggistica di proprietà di Facebook, ha scoperto che alcuni utenti hanno subito un cyberattacco.

L'app ha invitato tutti gli utenti ad "aggiornare l'applicazione nella sua ultima versione", mantenendo sempre aggiornato il sistema operativo, per proteggersi da ogni attacco, specificando però che gli hacker non hanno colpito su larga scala, ma solamente un numero selezionato di vittime, scelte "specificatamente", anche se non è ancora stato possibile stabilire quante siano state. La società ha confermato in un comunicato, pubblicato poco prima in esclusiva dal Financial Times, di aver già individuato e riparato la falla che permetteva agli hacker di entrare nell'app per installare spyware, per accedere a dati e contenuti dei dispositivi.

La vulnerabilità del sistema è stata individuata solo pochi giorni fa e non si sa per quanto tempo siano andate avanti le attività di spionaggio, che nelle modalità sembrerebbero simili a quelle istraeliane: lo spyware installato, infatti, ricorderebbe la tecnologia sviluppata dalla società israeliana di sicurezza informatica NSO Group, che ora risulta la maggiore sospettata.

Per installare il sistema di spionaggio era sufficiente una chiamata, anche senza risposta, effettuata dagli hacker, che poi in molti casi è scomparsa dalla cronologia.

Commenti
Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 14/05/2019 - 10:11

Non mi pongo questo "problema": non uso uozzappete, neanche installato sul mio smartphone

cgf

Mar, 14/05/2019 - 10:15

Dubito sia una 'falla', più propenso a credere che abbiano scoperto come Facebook riesca a fare... la colonscopia ai nostri apparati.

ClioBer

Mar, 14/05/2019 - 10:33

Che scoperta eccezionale e incredibile: Qualcuno ci spia attraverso i cellulari. Ma se… beh, diciamo (ma non è proprio così) li hanno inventati apposta, ci si può aspettare qualcosa di diverso??? Ma, poi, che senso ha questo articolo, quando “Il Giornale”, probabilmente allettato dai like su FB, anziché aprire una finestra sulle news dal mondo, spalanca la porta a FB, e alla sua piattaforma (almeno a me pare sia proprio così), gentilmente offerta da quel geniaccio (e spione per conto terzi) di Mark?

Parermio

Mar, 14/05/2019 - 10:34

Purtroppo andremo sempre paggio, e maggior disponibilità daremo ai nostri SmartPhone peggio sarà. Io ho un vecchio Motorola V3 e quando in casa conversiamo di cose di famiglia gli SP in un'altra stanza si ascoltano una registrazione delle canzoni degli Squallor. Uno dei problemi è che oramai con un minimo di informazione si può accedere a dati che sommandosi danno possibilità di accedere ancora ad altre informazioni e così via. É un'attenzione continua ed una sola distrazione rompe la catena della sicurezza. Non è vero che "male non fare, paura non avere", perchè la sicurezza non è la tutela del "male" ma della dignità e del rispetto

Ritratto di diplomatico

diplomatico

Mar, 14/05/2019 - 10:58

Qualcuno mi deve spiegare come è possibile installare sullo smartphone di una persona uno spyware (cioè software) facendo una chiamata senza risposta...

QuebecAlfa

Mar, 14/05/2019 - 11:09

Per scambiare messaggi in sicurezza utilizzare Telegram oppure, meglio ancora, GPG e la crittografia a chiave asimmetrica !

agosvac

Mar, 14/05/2019 - 11:37

Non mi riguarda minimamente: ho un semplice cellulare! Capisco, però , che uno smartphone può essere necessario per il proprio lavoro. Allora bisogna fare più attenzione!!!

ClioBer

Mar, 14/05/2019 - 11:42

@QuebecAlfa - Mi spiace, non so cosa la spinga a farlo, ma Lei diffonde informazioni sbagliate. Mentre è possibile difendersi da ciò che viaggia via filo, è una pia illusione pensare si possa fare con ciò che viaggia via etere. Si, qualche accorgimento può funzionare inizialmente, ma c'è sempre il modo per bypassare qualsivoglia protezione.

jaguar

Mar, 14/05/2019 - 11:42

Gli hacker hanno vita facile con le migliaia di app. che si possono istallare. Ormai il telefonino è un computer, e come tale è soggetto ad attacchi informatici, quindi è inutile lamentarsi, il progresso porta qualche gioia e molti dolori.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 14/05/2019 - 12:18

Chissà a che appartenenza sono. Sicuramente a quelli dei parassiti che vogliono vivere a spese degli altri.

Silpar

Mar, 14/05/2019 - 13:06

ci spiano in tutti i modi, sara' che le lettere scritte e impostate col francobollo siano ancora le piu' sicure?? forse siamo andati troppo avanti con la tecnologia???

no_balls

Mar, 14/05/2019 - 13:50

E secondo voi chi sono i target? I politici di governo ..... I servizi segreti israeliani tengono per le palle tre quarti di politici mondiali. Sono tutti sotto ricatto.... la democrazia orami e" un illusione..... Un amante non manca a nessuno......ergo

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Mar, 14/05/2019 - 14:27

Ma che strano, hacker israeliani eh? Zuckerberg si fida solo dei suoi correligionari (o consanguinei)?? E poi vogliono darci a intendere che i Protocolli dei Savi di Sion sono dei falsi ...

Viewty

Mar, 14/05/2019 - 16:10

@ClioBer: dietro lo pseudonimo 'QuebecAlfa' di sicuro si nasconde un 'lamer', uno che ostenta competenza ma ha conoscenze informatiche basilari e sfrutta quelle degli altri per fare lo 'splendido'. Perché altrimenti citare Telegram (in mano a due fratelli russi) e GPG (che è utile semmai per le email)? Sull'articolo, è evidente che per WhatsApp si è trattato di uno 0-day e appena l'hanno scoperto sono corsi ai ripari. Per il resto concordo, in rete siamo tutti in qualche modo 'osservabili', pensare il contrario è un'ingenua illusione e questo indipendentemente dal dispositivo (il problema non sono gli SP).

Ritratto di wilegio

wilegio

Mar, 14/05/2019 - 16:29

Facciano pure! Scopriranno che non ho soldi, sono molto di Destra e uso whatsapp per restare in contatto con amici e famigliari, parlare di motori e organizzare cene. Vogliono anche sapere per chi voto? Non ne ho mai fatto mistero.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mar, 14/05/2019 - 16:32

QuebecAlfa Sì, bravo! E con chi parli? con la NASA, l'FBI e quattro altri maniaci della sicurezza iscritti a quelle chat! Dài, sù! L'importante è mantenere le conversazioni su cose che non possano provocare incriminazioni. Per il resto, chissenefrega!

Ritratto di wilegio

wilegio

Mar, 14/05/2019 - 16:42

Marcello.508 Guardi che è molto comodo! Noi, ad es., ogni anno ci contattiamo coi miei figli e le mie nuore sulla nostra chat "regalo ADF" (acronimo per Angelo Del Focolare, cioè mia moglie) sul tema: cosa le regaliamo quest'anno per il compleanno, Natale e feste varie? Senza parlare dell'altra chat "cena del sabato" dove ogni settimana organizziamo con gli amici luogo, menù, partecipanti, chi cucina, cosa si mangia e cosa si beve. Ci troviamo ogni sabato sera da oltre 40 anni e prima erano giri eterni di telefonate. Adesso con whatsapp è tutto più semplice. Se qualche hacker vuole leggere queste chat, si accomodi pure! Magari un giorno ne farò un libro, così si risparmiano la fatica.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mar, 14/05/2019 - 16:46

agosvac Le chat, come ogni dispositivo, vanno usate con criterio, e allora diventano una cosa utile e comoda. Una candela fa luce, ma se ci avvicini una mano ti bruci. Un'automobile è ormai necessaria, ma ti ci puoi ammazzare. Potrei continuare all'infinito. Usare l'intelligenza e moderarsi, sapendo che qualcun altro potrebbe leggere, oltre al destinatario. Non ci vuole molto. Ma perché rinunciarvi?

Zizzigo

Mar, 14/05/2019 - 17:07

E cosa fare per evitare che il fisco ci guardi anche nella tazza del water?

agosvac

Mar, 14/05/2019 - 17:15

Egregio ClioBer(10,33), se si riferisce al nuovo insideover che ha sostituito il vecchio gli occhi della guerra, anch'io ho notato che vi si può accedere solo tramite Facebook o twitter. Pertanto non avendo la sia pur benché minima intenzione di farne parte neanche leggo più gli articoli relativi.

no_balls

Mar, 14/05/2019 - 19:33

non avete capito che il problema non e' l'intercettazione del cittadino comune che non interessa a nessuno. Ma vi rendete conto cosa vuol dire avere conversazioni private su governanti di altri paesi ? hai piu' potere cosi che avere 1000 testate nucleari. sono tutti sotto ricatto..... e non sono altro che burattini.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mer, 15/05/2019 - 00:06

@no_balls Certo! Ma non è certo whatsapp il mezzo! Sono molti anni ormai che queste intercettazioni avvengono dovunque, e nessuno se ne è mai preoccupato.