Temptation Island, a gossip e tresche non si può resistere

Qual è la medicina? Fedeltà a ogni costo oppure tradimento senza sensi di colpa?

Pensi all'estate, al sole, al mare e subito scatta qualcosa che ha a che fare con le tentazioni, i tradimenti, le coppie che si scoppiano. Sembra che per colpa di centimetri di pelle scoperti anche il nostro cervello si liberi da costrizioni e tabù. Siamo tutti più liberi, propensi all'avventura, costi quel che costi. Salvo poi ripensarci e tentare complessi retromarcia appena rientrati al lavoro.

Semplice l'assunto e la struttura di Temptation Island, il programma di Canale 5 molto seguito dagli appassionati di tresche e gossip: i fidanzati che entrano insieme nei luoghi incantati della Sardegna sono disposti a separarsi per ventuno giorni. Qui, in una specie di Grande Fratello che li segue ininterrottamente con microfoni e telecamere, sono sottoposti alle continue imboscate da parte di single, uomini e donne, convocati apposta per mettere in crisi le loro certezze. Riusciranno i nostri eroi a resistere e rafforzare il loro rapporto oppure ne usciranno inevitabilmente divisi, magari con una nuova compagnia incontrata proprio lì, sull'Isola?

Nelle settimane abbiamo imparato a conoscere e simpatizzare con i vari Valeria e Roberto, Georgette e Davide, Ludovica e Fabio coordinati dal conduttore Filippo Bisciglia. Ben studiato l'identikit dei dodici concorrenti: aitanti, palestrati, dal linguaggio decisamente basico i ragazzi, tra i 20 e i 30 anni. Piacenti ma non impossibili le donne, più ragazze della porta accanto che non vamp seducenti. Ben altro ruolo hanno i single tentatori, belli, liberi e disinibiti, pressoché impossibile resistere al loro fascino e alle provocazioni messe su ad arte. Abbiamo visto Davide sdilinguirsi per la mora Karina e Roberto prendersi un'autentica sbandata per la bionda Melissa. Come nella vita reale, anche in Temptation Island la parte del debole la gioca quasi sempre il maschio, incerto, insicuro, incapace di scegliere, mentre le rispettive fidanzate tendono a tenere la barra più dritta. Segno inevitabile dei tempi.

Bisogna essere degli autentici appassionati di piccole beghe quotidiane per farsi coinvolgere nelle vicende minimali fatte di discorsi vacui sulla famiglia, sui rapporti, sulle amicizie e sull'amore. In molti si identificheranno, e a ciò si deve il successo di Temptation Island, anche se i dialoghi sono scontati, le situazioni sempre uguali, come se tutti, bene o male, fossimo vittima della banalità inevitabile della coppia.

Quale dunque la medicina? Fedeltà a ogni costo oppure tradimento senza sensi di colpa? Scegliere la linea dura o invece sapersi perdonare? Grandi temi della coscienza che per molti giovani sono più importanti della lotta al terrorismo, del referendum di ottobre o della Brexit. Ma si sa, l'estate è bella perché frivola e superficiale, dura poco e presto sarà di nuovo autunno con più vestiti addosso e le stesse abitudini di sempre.

Un consiglio, comunque: se siete innamorati, passate le vacanze insieme.

Commenti

odifrep

Dom, 07/08/2016 - 20:57

""La parte del debole la gioca quasi sempre il maschio...."". Certo. Fin quando ci saranno giovani maschi senza cervello, nel senso che non vogliono comprendere che a scegliere sono le femmine. L'esempio della vita rimane sempre l'ago che muovendosi impedisce il filo di entrare nella cruna.

Ritratto di Giano

Giano

Dom, 07/08/2016 - 22:05

Non si può resistere a gossip e tresche? Beatrice, parli per lei.