Tennis, Fed Cup alle azzurre

La Schiavone cede nel terzo singolare, ma la Pennetta completa il capolavoro: 3-1 agli Stati Uniti sul veloce di San Diego. La Davis femminile è ancora azzurra. E' il terzo trionfo dal 2006

San Diego - Come loro nessuno mai. Le ragazze del tennis italiano sono inarrestabili. L'Italia si conferma campione di Fed Cup. A San Diego a chiudere il conto nella finale contro gli Usa é stata Flavia Pennetta, che, dopo la sconfitta di Francesca Schiavone con Melanie Oudin, ha superato la statunitense Coco Vandeweghe 6-1, 6-2. Per le tenniste azzurre è la terza Fed Cup dopo quelle vinte nel 2006 e nel 2009. Si chiude così una stagione trionfale. Quella in cui Francesca Schiavone ha vinto il Roland Garros e ha partecipato al Masters di Dubai arrivando fino al numero 6 del mondo (ha chiuso settima). E in cui Flavia Pennetta ha conquistato il numero 1 di doppio, vincendo anche il Masters di Dubai.

Le protagoniste Sono ancora loro sul tetto del mondo: l'Italdonne del tennis cala il tris. A trionfare sono ancora loro, le "sorelle d'Italia", Francesca Schiavone, Flavia Pennetta, Sara Errani e Roberta Vinci. Quattro ragazze irresistibili, capaci di centrare quattro finali in cinque anni e di vincerne tre. Un record per il tennis italiano che trova il suo riscatto grazie alle donne: e non solo nella Coppa Davis al femminile. Una squadra che fa dell'unità, dello spirito di gruppo il suo punto di forza, ma che con il passare degli anni è cresciuta anche nelle individualità. La punta di diamante è Francesca Schiavone: la tennista milanese, 30 anni, lo scorso mese di giugno è entrata per la prima volta nelle top ten, al numero 6. Mai nessuna azzurra è salita così in alto nel ranking.

Gli esordi Prima di lei Flavia Pennetta era stata la prima giocatrice italiana a sfondare il muro delle "prime dieci" nell' agosto del 2009 andando ad occupare la decima posizione. Nel 2006, è nella squadra che vince a Charleroi in Belgio la sua prima Fed Cup. Nel 2007, oltre ad aver disputato finale di Fed Cup, ha conquistato il suo primo titolo Wta a Bad Gastein. Un 2008 sotto tono illuminato soltanto dalla semifinale di Dubai. Nel 2009 ha vinto la sua seconda Fed Cup con la maglia azzurra e a Mosca il secondo titolo Wta in carriera.

La consacrazione Il 2010 è l'anno della sua consacrazione: la Schiavone vince a Barcellona il suo terzo titolo Wta, ma soprattutto trionfa al Roland Garros conquistando il suo primo titolo Slam (prima giocatrice italiana nella storia a riuscire nell'impresa), e vinto la sua terza Fed Cup. Poi c'é Flavia Pennetta: la tennista pugliese è stata la prima ad entrare nelle top ten (oggi occupa il posto numero 23 nel singolare ma è al numero uno nella classifica di doppio) ed é reduce dal successo in coppia con la Dulko al Wta di Doha. La brindisina, 28 anni, è stata la prima azzurra ad entrare nelle Top Ten della classifica mondiale Wta del 2009, dopo aver vinto di fila il torneo di Palermo, il Wta Premier di Los Angeles ed aver raggiunto la semifinale del torneo di Cincinnati. In carriera ha vinto 9 tornei Wta di singolare e 13 di doppio ed ha vinto le tre Fed Cup italiane (2006, 2009, 2010).

Il nuovo che avanza Roberta Vinci è al 38esimo posto del ranking mondiale ed ha vinto di recente il torneo di Lussemburgo. Pugliese come la Pennetta, 27 anni, la Vinci in carriera ha vinto 7 tornei del circuito Wta (2 in singolare e 5 in doppio) e ha fatto parte della squadra che ha vinto le tre Fed Cup. La più giovane della squadra azzurra è Sara Errani, 23 anni bolognese, numero 42 del ranking, è considerata una delle promesse del tennis azzurro e come ha sottolineato il capitano non giocatore, Corrado Barazzutti, "si è confermata giocatrice solida e dal grande rendimento". Professionista dal 2002, ha raggiunto come miglior piazzamento nel ranking Wta il 31esimo posto nel 2009 mentre nel doppio la sua migliore posizione è stata la n.45, raggiunta lo scorso mese di aprile. Nella sua carriera ha vinto due titoli Wta (Palermo e Portorose nel 2008) in singolare e quattro in doppio. E' alla sua seconda Fed Cup.