Terremoto in Giappone: 3 morti, lievi danni a una centrale nucleare

Violenta scossa di terremoto di magnitudo 7,2 nel nord del paese. Almeno tre morti, cinque dispersi e sessanta feriti. Perdita di acqua radioattiva nella vasca della centrale di Fukushima

Tokyo - Una violenta scossa di terremoto, di magnitudo 7,2 gradi Richter, ha colpito stamani una zona rurale nel centro-nord del Giappone, causando la morte di almeno tre persone, il ferimento di un altro centinaio, una lieve perdita d'acqua radioattiva senza conseguenze all'interno di una centrale nucleare, smottamenti e frane. Almeno cinque persone risultano ancora disperse.

La scossa, valutata inizialmente in 7 gradi Richter, poi rivista a 7,2 , ha colpito alle 08:43 locali (le 01:43 italiane) a circa 10 chilometri di profondità nella crosta terrestre, con epicentro nella prefettura di Iwate, una pittoresca zona rurale montagnosa scarsamente abitata, circa 300 chilometri a nord di Tokyo, dove invece la scossa è stata avvertita debolmente. Nella regione colpita si registrano ovunque frane e smottamenti, ben visibili nelle riprese dagli elicotteri mostrate alla tv, e interruzioni di strade, molte delle quali presentano grosse crepe.

"La scossa è stata talmente violenta che non riuscivo a reggermi in piedi senza appoggiarmi al muro", ha raccontato alla tv un testimone. "Lì c'era una montagna, ora è tutta sbriciolata sulla strada", ha detto una automobilista che ha abbandonato di corsa l'auto quando ha visto arrivare la frana. Secondo un albergatore, la scossa maggiore è durata due minuti. I morti accertati sono un pescatore di 55 anni sepolto da una frana mentre pescava; un uomo travolto da un camion mentre fuggiva di casa durante la scossa; un operaio in un cantiere schiacciato da pietre.

Cinque persone (sette secondo alcune fonti) risultano al momento ancora disperse, tutte nella città di Kurihara, nel distretto di Miyagi: due in un albergo termale sommerso da uno smottamento, dove ne sono state ritrovate vive cinque; tre in un cantiere edile dove ci sono stati dei crolli. I feriti sono almeno 100 secondo alcune fonti, circa 65 secondo altre. Circa 30.000 case sono rimaste senza elettricità per alcune ore dopo la scossa principale, seguita da uno sciame di assestamento.

Nella centrale nucleare di Fukushima, nell'omonimo distretto, dove operano due reattori gemelli per una potenza complessiva di 9.096 megawatt, la compagnia gestrice, la Tokyo Electric Power Co. (Tepco), ha reso noto che si è verificata una piccola fuoriuscita - 14,8 litri in tutto - di acqua leggermente radioattiva da una vasca in un deposito di stoccaggio di scorie. "Nessun quantitativo d'acqua è fuoriuscito dal deposito", ha assicurato un portavoce della Tepco, aggiungendo che le radiazioni dell'acqua sono "ben lontane dal livello (di radioattivita) che possa potenzialmente danneggiare l' ambiente"