Terremoto a Sumatra Scosse in Italia e Grecia

Fortissima scossa a 7,6 gradi della scala Richter. Secondo i geologi Usa uno tsunami si sta già verificando nel luogo dell'epicentro, a 319 chilometri da Medan, ma l'allerta è rientrata. La terra trema a Frosinone: nessun danno

Sumatra - Un sisma di magnitudo 7,6 della scala Richter ha colpito l’isola di Sumatra. Lo riferisce l’istituto geologico statunitense. L'epicentro si trova a 319 chilometri a ovest-sudovest di Medan. È in corso uno tsunami localizzato. Il terremoto, secondo i dati dell’istituto americano, ha avuto origine a 34 chilometri di profondità. La città più colpita è stata Banda Aceh, che venne devastata dal disastroso terremoto, seguito da uno tsunami, del 2004. Oggi la terra ha tremato per almeno un minuto e la gente si è riversata in preda al panico per le strade. La zona è ad alto rischio sismico. Si esclude che vi siano seri pericoli di tsunami. I dati sulla intensità del terremoto non coincidono. Secondo il centro di controllo dei terremoti indonesiano è stata inferiore a quanto calcolato negli Usa, e cioè di 6,6 gradi Richter.

Italia Una scossa di terremoto di magnitudo pari a 4.2 è stata avvertita questa mattina, alle ore 9,07, in provincia di Frosinone. A quanto si è appreso dalla sala operativa del dipartimento della Protezione civile, non risultano al momento danni a persone o cose. Un'altra scossa, di magnitudo 2.7, è stata registrata alle 5,05 nella provincia di Imperia. Il sisma è stato avvertito dalla popolazione, ma al momento non risultano danni. L’epicentro è stato localizzato dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia tra i comuni di Taggia, Castellaro e Riva Ligure. Altre scosse, di minore entità, si erano registrate tra il pomeriggio e la serata di ieri nel Napoletano e nelle province di Roma e di Ancona.

Grecia Una scossa tellurica di intensità 5,4 della scala Richter si è registrata nella notte nel sud della Grecia ma, stando ai primi accertamenti, non avrebbe provocato vittime né danni. L’epicentro del sisma, avvenuto all'1,15, è stato individuato a circa 230 km a Sud di Atene, in una zona di mare tra la costa del Peloponneso e l’isola di Citera. Appena sei giorni fa - il 14 febbraio - due violente scosse sismiche, a distanza di due ore, erano state avvertite distintamente dalla popolazione di Atene e del Peloponneso, ma anche in quel caso non vi erano state vittime né danni, Dieci giorni prima un’altra scossa di terremoto di 5,4 gradi Richter era stata avvertita nella città portuale di Patrasso, sempre nel Peloponneso, mentre la mattina del 6 gennaio un sisma di 6,7 gradi Richter ha svegliato di soprassalto gli ateniesi. A causa della sua posizione lungo un’importante faglia, la Grecia è il Paese più sismico d’Europa e sul suo territorio si registrano almeno la metà dei terremoti che avvengono in tutto il continente. L’ultimo disastroso terremoto avvenuto in Grecia, che ebbe un’intensità di 5,9 gradi Richter, colpì Atene il 7 settembre 1999 provocando il crollo di decine di palazzi e la morte di 143 persone.