Un treno da Kyoto a Copenhagen

Parte il 5 dicembre da Bruxelles il Climate Express, il treno che porterà esperti dell'ambiente e rappresentanti del mondo economico a Copenhagen per il Summit sul clima

Climate Express, in partenza il 5 dicembre da Bruxelles, fa parte del più ampio progetto ''Train to Copenhagen'' organizzato dall'Union Internationale des Chemins de fer (Uic), dall'Unep (il programma ambientale delle Nazioni Unite) e dal Wwf con l'obiettivo di documentare l'impatto del cambiamento climatico e per fare conoscere i vantaggi dei trasporti a basso consumo di carbone. "Train to Copenhagen" è partito il 21 novembre da Kyoto, città natale dell'attuale protocollo sul clima, che scadrà nel 2012. Il treno attraverserà la Russia, Paese cruciale per i cambiamenti climatici: la Siberia in particolare è uno dei punti "caldi" per i cambiamenti climatici in quanto, con le sue torbiere e il suo permafrost in scioglimento, rischia di rilasciare tonellate di metano e diossido di carbone nell'atmosfera nei prossimi anni. Durante il viaggio attraverso la Russia esperti dell'ambiente e i militanti contro il cambiamento climatico documenteranno gli effetti del riscaldamento globale sia sul sito www.traintocopenhagen.org sia su Twitter.

Da Bruxelles saliranno sul treno oltre 400 esperti dell'ambiente e rappresentanti del mondo economico che parteciperanno al summit di Copenaghen. Si tratterà di una vera e propria conferenza in itinere per discutere di clima e mobilità sostenibile, attraverso workshop e tavole rotonde a cui parteciperanno personalità quali: il direttore esecutivo del Programma Ambiente dell'Onu, Achim Steiner, Franny Armstrong, (produttrice e regista del film ''L'Età degli Stupidi''), Luo Hong (fotografo documentarista proclamato dall'Unep ''Eroe del Clima''), Apa Sherpa (Testimone del Clima per il Wwf e detentore del record di scalate al Monte Everest), Yoshio Ishida (Presidente dell'Uic nonchè vicepresidente delle ferrovie del Giappone Orientale), Jean-Pierre Loubinoux (direttore generale dell'Uic). Viaggeranno sul treno anche incaricati delle principali Società ferroviarie internazionali- tra cui anche Ferrovie dello Stato- leader economici e rappresentanti della società civile e dei media.

Al suo arrivo a Copenhagen, il Climate Express, che verrà ricaricato di energia rinnovabile al 100%, rimarrà presso la Stazione Centrale della capitale danese per le due settimane di conferenze e ospiterà una mostra aperta al pubblico sui trasporti a basso consumo di carbone. Nel viaggio da Bruxelles a Copenhagen il Climate Express, grazie all'impiego di energia da fonti rinnovabili, non produrrà emissione di CO2. Se si pensa che lo stesso collegamento in aereo avrebbe prodotto 115 kg di CO2 per ogni passeggero, si comprende come il treno sia una forma di trasporto eco-friendly; con basse emissioni di anidride carbonica e alti indici di sicurezza (safety), il treno è infatti simbolo della politica ecosostenibile che i leader di tutti i Paesi del mondo dovranno impegnarsi a rispettare anche attraverso la ricerca di sistemi ''intelligenti'' di trasporto.