Turisti britannici siano i benvenuti

Porte aperte, in Toscana, al turismo di oltremanica. Il Consorzio Toscana golf e la provincia di Pistoia hanno partecipato, a Malaga, all'International golf travel marchet (Igtm), la più importante fiera mondiale del turismo di settore, riuscendo a definire, in questa sede, un accordo di cooperazione per far diventare la terra di Dante, una delle mete preferite dei giocatori britannici, in particolare scozzesi.
Due i tavoli di lavoro che hanno portato a raggiungere l'intesa turistico-sportiva. Il primo ha avuto come protagonista Nick White, presidente del consorzio scozzese «Links with history» (associa blasonati campi scozzesi), mentre per l'altro è stato decisivo l'incontro con Neen Kelly, direttrice di «Visit Scotland», l'agenzia regionale per la promozione turistica della Scozia.
Il presidente del Consorzio Toscana golf, Cesare Dami, e l'assessore al Turismo della provincia di Pistoia, Nicola Risaliti, si sono detti molto soddisfatti per l'accordo raggiunto, che andranno a ratificare ufficialmente in Scozia il prossimo aprile.
La Toscana, già molto amata dai turisti inglesi e scozzesi, sarà quindi anche una meta privilegiata per i milioni di appassionati del green, specialmente in inverno, periodo in cui essi vanno alla ricerca di nuovi itinerari.
A loro volta, gli associati ai club del Consorzio Toscana Golf, che comprende i circoli a 18 buche golf club Argentario, Cosmopolitan golf & country club, Montecatini golf club, golf club Toscana, golf club Ugolino, golf club Versilia e i circoli a 9 buche, Tirrenia, Casentino ed i campi promozionali Garfagnana e Villa Gori Siena, potranno cogliere al volo occasioni vantaggiose per fare esperienza nei campi dove il golf è davvero di casa. Naturalmente occorrerà fare un po' di pratica con kilt, cornamusa e ottimo whisky!