Tutti gli ex del terrore scappati all'estero

La lista di terroristi o ex terroristi come Cesare Battisti, fuggiti
dall'Italia negli anni Ottanta e Novanta, è composta da un elenco di
circa 140 nomi. Nel frattempo, però, gli anni sono passati e per alcuni
sono caduti in prescrizione i reati per i quali erano stati condannati, come è stato per l'ex leader di Potere
Operaio Oreste Scalzone, per il quale la latitanza è finita un paio di
anni fa

Alcuni come Alessio Casimirri, il brigatista del commando che rapì e uccise Aldo Moro, l'hanno fatta definitivamente franca: ottenuta la cittadinanza del Paese extraeuropeo dove sono fuggiti (Casimirri è nicaraguense a tutti gli effetti e gestisce un noto ristorante sulla costa), sono diventati non più estradabili in Italia. Molti altri, per lo più esponenti dell'eversione rossa, hanno trovato rifugio in Francia, forti della promessa dell'ex presidente Francois Mitterand che nel 1985 assicurò il "riparo da ogni sanzione di estradizione" a quegli italiani accusati di aver partecipato ad azioni terroristiche se avessero rotto con il passato e avessero iniziato una nuova vita inserendosi nella società francese.

La lista di terroristi o ex terroristi come Cesare Battisti, fuggiti dall'Italia negli anni Ottanta e Novanta, è composta da un elenco di circa 140 nomi. Nel frattempo, però, gli anni sono passati e per alcuni sono caduti in prescrizione i reati per i quali erano stati condannati dalla giustizia italiana, come è stato per l'ex leader di Potere Operaio Oreste Scalzone, per il quale la latitanza è finita un paio di anni fa.

Dai dati incrociati del ministero dell'Interno sui latitanti e del ministero della Giustizia sulle richieste di estradizione dei terroristi italiani che hanno trovato rifugio all'estero emergono due date che sono due punti di svolta rispetto alla 'dottrina Mitterand': il 2002 e il 2008. Nell'agosto di sette anni fa Paolo Persichetti, ex militante dell'Unione comunisti combattenti, viene estradato dalla Francia, convinta a consegnarlo alle autorità italiane per il sospetto (poi rivelatosi infondato) di un suo coinvolgimento nel delitto di Marco Biagi.

Quando nel 2002 a Roma e a Parigi si insediano due governi di destra, i terroristi rifugiati in Francia cominciano a temere: è dell'ottobre di quell'anno l'accordo tra il ministro della Giustizia Roberto Castelli e il suo omologo di Place Vandome Jacques Perben per la riconsegna all'Italia di una dozzina di terroristi che si sono macchiati di fatti di sangue.

Nell'elenco figurano Cesare Battisti, arrestato dalle autorità francesi nel 2004 e poi fuggito in Brasile alla vigilia della decisione del Consiglio di Stato sulla sua estradizione, e la br Marina Petrella, condannata all'ergastolo per l'omicidio di un commissario di polizia nel 1981, arrestata nel 2007 ed estradanda per decisione del governo francese. Il 2008 è però l'anno che scompiglia nuovamente lo scenario: il presidente francese Nicolas Sarkozy decide la revoca dell'estradizione della Petrella per "motivi umanitari", viste le precarie condizioni di salute dell'ex br al cui capezzale arriva la first lady Carla Bruni. Da allora - fanno sapere al ministero della Giustizia - la lista dei terroristi di cui l'Italia ha chiesto l'estradizione è ferma lì, in attesa di risposte.

In quell'elenco ci sono gli ex Br Enrico Villimburgo e Roberta Cappelli, condannati all'ergastolo per diversi omicidi; gli ex Br Giovanni Alimonti e Maurizio di Marzio, condannati rispettivamente a 22 e 15 anni per una serie di attentati che hanno provocato morti; l'ex Br Enzo Calvitti, condannato a 21 per il tentato omicidio di un funzionario di polizia; Vincenzo Spanò, ritenuto uno dei leder dei Comitati organizzati per la liberazione proletaria (Colp); Massimo Carfora, membro dei Colp, condannato all'ergastolo; Walter Grecchi, autonomo, condannato a 14 anni per l'omicidio del poliziotto Antonino Custrà; Giovanni Vegliacasa, ex membro di Prima Linea; Giorgio Pietrostefani, condannato a 22 anni di carcere assieme a Sofri e Bompressi per l'omicidio del commissario Calabresi, è latitante dal 2000.

In terra francese ci sarebbero anche personaggi come Simonetta Giorgieri e Carla Vendetti, sospettate di contatti con le nuove Brigate Rosse; Sergio Tornaghi, legato alla colonna milanese delle Br 'Walter Alasia'. Altre destinazioni frequenti dei latitanti sono Sud e Centro America: in Nicaragua, oltre a Casimirri, ha trovato rifugio anche Manlio Grillo, ricercato per il rogo di Primavalle nel quale morirono i due fratelli Mattei. Il suo ex compagno di Potere Operaio, Achille Lollo, vive invece indisturbato in Brasile: nel '93 il Tribunale supremo federale rigetto' la richiesta di estradizione presentata dall'Italia.

Non estradabile perché divenuto cittadino svizzero il br Alvaro Lojacono, condannato all'ergastolo per il delitto Moro, così come la cittadinanza giapponese ha reso impossibile all'Italia ottenere Delfo Zorzi, militante di Ordine Nuovo, condannato in primo grado all'ergastolo per la strage di Piazza Fontana e poi assolto in appello.