VALÉRY «Leonardo c’est moi»

Prendo in esame un periodo qualsiasi della vita di L. durante il quale lui fa molte cose.
Dico che il suo metodo di risoluzione è unico, il che significa che lui «decide» che ogni problema si traduce in un unico linguaggio, l’immagine. Problema del problema, ecc.
In effetti può decidere di costruire una chioma, dopo avere analizzato dell’acqua,
Può costruire un corpo conoscendo le macchine (dinamica continua)
Significa imporre un ordine conosciuto a un caos meno conosciuto e stare a vedere che cosa ne vien fuori \
Questo spirito è così amico della realtà perché tende a coprirla
a immaginarla completamente
La maturazione o sviluppo. \

*** *** ***

Tutta la scienza o l’arte ci appare finita in un certo modo. Falso. Essa è rimaneggiata \

*** *** ***

Hostinato rigore
Vista di tutte le cose.
tutte le strutture
stoffe
alberi
aria
acque
macchine
\
l’opposizione all’umanità.
l’essere serio. La solitudine.
la morte in quanto limita, dunque furia
\

*** *** ***

Non parlerò né del sorriso della Gioconda né del genio di Leonardo. Sarebbe farne delle personalità \

*** *** ***

Appartiene alla natura dello spirito che le formazioni che vi si trovano e che chiameremo errore, verità, follia, stupidaggine, meravigliosa carabattola, sono tutte allo stesso modo legittime. Solo la nostra opinione su un prodotto del nostro spirito, o il confronto fra questo e altre cose, ci dà la misura di noi stessi. Queste formazioni sono irresponsabili.
Legge di queste formazioni.
\

*** *** ***

Sistema di Leonardo
È una sorta di dinamismo cosciente. Ma non è un sistema, è un metodo. I precetti sono particolari e non analizzati. C’è una tendenza a impiegare ovunque il ragionamento aritmetico-geometrico. \

*** *** ***

... non quello dei musei e degli aneddoti, ma un altro! quello che io ho conosciuto. Sono stato lui stesso, qualche volta. Sì, per alcuni minuti, sono stato Leonardo come sono stato Poe, Pascal, Bonaparte o Dupin o Descartes. Ho recitato queste parti, queste commedie. Sono stato stupido, pesce, angelo eccetera, anche marinaio, sono stato malato e sono stato anche morto. Ho conosciuto le delizie del costruire, del prevedere o di vedere che è poi la stessa cosa, un occhio affinato all’interno! percepire le implicazioni delle cose proposte. \

*** *** ***

Leonardo! così giusto! così esatto in tutto senza rifiutare nulla e nascondendo sotto la sua passione una passione più grande, tu che sapevi destarti, tu che ti destavi, oh capacità di vedere qualcosa di più delle cose reali e di vedere colui che vede! Ti riappropriavi sempre della tua persona \

*** *** ***

Vi spiegherò Leonardo. Immaginate un uomo così e così. Bisogna trasformare un ambiente comune in atti distinti e in opere diverse. In effetti è un uomo \

(Traduzione di Domizia Carafòli)