Vasco torna a parlare su Facebook: "Io drogato? Macché, sono solo farmaci"

Continua la telenovela social di Vasco Rossi che smentisce le voci che lo vorrebbero dipendente da psicofarmaci. E così il Blasco torna a scrivere sul social network e rivela quali medicine compongono il fantomatico cocktail che assume per curare la depressione

ROMA - Non accena a finire la telenovela social di Vasco. Il cantante, dopo i video di presentazione del nuovo singolo, la polemica con Ligabue e le precedenti puntate del suo fiorente rapporto con Facebook, rivela finalmente il misterioso cocktail di farmaci di cui fa uso. Di pochi giorni la notizia secondo la quale Vasco, depresso, andava avanti solo grazie alle medicine. Ma Vasco smentisce tutte le voci che lo vogliono succube delle droghe.

"La mia depressione risale al 2001", ammette il Blasco. "In quel periodo morì un mio caro amico, dopo una brutta storia di tossicodipendenza, dalla quale era riuscito a smarcarsi". E poi l'elenco meticoloso del cocktail di farmaci: antidepressivi, ansiolitici all'occorenza, un coktail vitaminico. E ci tiene a sottolinearlo: "Tutto secondo le quantità e le modalità suggerite dal mio medico".